Gibberish e yoga della risata, parlare con suoni strani

Cos'è il Gibberish? Associato allo yoga della risata è una tecnica per parlare con suoni strani e tirare fuori la propria pazzia.

Home > Benessere > Gibberish e yoga della risata, parlare con suoni strani

Gibberish, ne avete mai sentito parlare? È un termine spesso associato allo yoga della risata, ma anche alla recitazione. Non è altro che parlare in modo strano, senza articolare parole di senso compiuto, ma solo suoni. Sì, proprio come fanno i bambini piccoli!

Gibberish

La parola Gibberish, che a volte possiamo trovare scritta anche Jibberish, altro non è che un borbottio, un pronunciare suoni senza senso o che apparentemente non ce l’hanno. In italiano si chiama Grammelot ed è una tecnica che si usa parlando usando suoni simili alle parole ma privi di un significato reale.

La tecnica è spesso utilizzata come esercizio di recitazione. Ma anche lo yoga della risata e altri metodi di meditazione e di scoperta del sé più nascosto sfruttano questo “parlare strano”, che ci riporta in modo primordiale alla nostra primissima infanzia, quando eravamo soliti parlare in questo modo, perché ancora non sapevamo parlare.

Proprio secondo lo yoga della risata il Gibberish è “uno dei più potenti strumenti di espressione dello Spirito Interiore della Risata, è una forma di meditazione dinamica che “privilegiando il corpo e tagliando fuori la nostra parte razionale” è in grado di agire sulla creatività, lo stato emotivo, l’assertività. Il Gibberish insegna a gestire gli imprevisti, a giocare con gli “scherzi” della vita e a prendere il timone nelle (a volte) agitate acque dell’esistenza. Senza farsi troppe domande sul passato, sul futuro e sui perché e senza l’incubo del giudizio (proprio ed altrui) ma stando ben piantati nel presente sapendo che nel Gibberish tutto è possibile“.

Gibberish

Come si usa il Gibberish

La Meditazione Gibberish segue questi step:

  • Seduti, con gli occhi chiusi, pronunciate suoni senza senso. Esprimetevi liberamente.
  • Fermatevi improvvisamente e mettetevi in ascolto, rimanendo in silenzio, sempre con gli occhi chiusi.
  • Lasciatevi andare, sdraiatevi a terra sulla schiena e rilassatevi.
  • Tornate alle vostre cose con una consapevolezza in più.