Intolleranza al lattosio: sintomi e cure

Ecco come capire se abbiamo questo disturbo e cosa fare per stare meglio.

L’intolleranza al lattosio è una condizione che nella maggior parte dei casi è solo passeggera ed è diversa da una vera e propria allergia alle proteine del latte. Ecco quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio e quali sono i rimedi per sentirsi meglio.

Che cosa succede al nostro organismo quando si è intolleranti al latte

L’intolleranza al lattosio può innescarsi a qualsiasi età, sia da bambini che da adulti. Quest’ultima si verifica per un’insufficiente attività dell’enzima che serve per la digestione del lattosio – la lattasi.

La lattasi normalmente scinde il lattosio – che è uno zucchero del latte – in due zuccheri più semplici e dunque più facilmente metabolizzabili.

Se la lattasi non funziona bene, l’intestino non riesce a digerire il lattosio, con tutte le conseguenze che ne derivano a carico della digestione e non solo .

Come ci spiegano gli esperti, questo enzima ha la massima attività nei neonati e poi riduce le sue potenzialità con il passare degli anni. Tale cambiamento si verifica nella maggior parte delle persone, che a un certo punto della loro vita non riescono più a metabolizzare il lattosio.

Qualcun’ altro, invece,  ha l’enzima funzionare alla perfezione per tutta la vita.  Se si sospetta di avere un’intolleranza al lattosio, la cosa da fare è rivolgersi al proprio medico di famiglia per fare una diagnosi e risolvere il fastidio.

I sintomi

L’intolleranza non è un’allergia e la differenza la si capisce dai sintomi, ben più gravi in quest’ultimo caso. Quando si è allergici alle proteine del latte, le conseguenze possono essere difficoltà di respirazione, gonfiore del viso e della bocca o diarrea grave.

In caso di intolleranza al lattosio, i sintomi sono invece:

  • Pesantezza di stomaco
  • Meteorismo ovvero  presenza persistente di gas nell’intestino
  • Crampi addominali
  • Stanchezza
  • Gonfiore
  • Mal di testa
  • Rash cutaneo
  • Nausea con o senza vomito
  • Diarrea o stipsi

Questi sintomi si verificano di solito dopo aver ingerito il latte, nella mezz’ora – due ore successive,  ma possono capire anche nell’immediato, subito dopo il consumo dei cibi.

Come si cura

La diagnosi e la prescrizione di una cura dell’intolleranza  spetta esclusivamente al medico.  Il trattamento, in genere,  prevede due strade: l’assunzione di integratori a base di enzimi lattasi e la sospensione del consumo di prodotti caseari che contengono lattosio.

Gli integratori di lattasi si assumono quando si mangiano o si bevono prodotti contenenti lattosio.

Se, invece, si eliminano dalla dieta i cibi con il lattosio, si possono in alternativa consumare  – lo yogurt è spesso tollerato perché contiene naturalmente lattasi prodotta da Lactobacilli e il formaggio, che ha una  quantità di lattosio inferiore rispetto al latte, e latte e alimenti senza lattosio.

Alle  persone che non assumo più il lattosio, si suggerisce in genere di assumere integratori di calcio.

8 cibi che causano il cancro

8 cibi che causano il cancro

Non ho più il ciclo, che succede? Ecco tutti i motivi

Non ho più il ciclo, che succede? Ecco tutti i motivi

Dieta di Natale per non perdere la linea durante le feste. Come funziona?

Dieta di Natale per non perdere la linea durante le feste. Come funziona?

Segnali che nella tua amichetta c'è qualcosa che non va

Segnali che nella tua amichetta c'è qualcosa che non va

Mestruazioni abbondanti, quando diventano un problema

Mestruazioni abbondanti, quando diventano un problema

Zenzero: chi non dovrebbe mangiarlo

Zenzero: chi non dovrebbe mangiarlo

5 cose che non devi mai fare dopo aver fatto l'amore

5 cose che non devi mai fare dopo aver fatto l'amore