Obesità e anoressia: chi ne soffre vive di meno

L'obesità e l'anoressia sono responsabili di molte malattie e patologie. L'aspettativa di vita si abbassa drasticamente.

Home > Benessere > Obesità e anoressia: chi ne soffre vive di meno

L’obesità e l’anoressia rientrano nei disturbi alimentari e negli ultimi anni in Italia la situazione è andata fuori controllo. I dati sono piuttosto preoccupanti: una persona su dieci soffre di obesità, mentre si stima che 3 milioni di persone soffrano di anoressia e di bulimia. Una ricerca ha affermato che chi lotta contro i disturbi alimentari mette la propria salute a rischio e potrebbe vivere quattro anni di meno rispetto all’aspettativa di vita attuale.

obesita-anoressia

La ricerca è stata condotta dalla London School of Hygiene e lo studio è stato pubblicato in seguito da Lancet Diabetes and Endocrinology. Circa 3,6 milioni di inglesi hanno partecipato alla ricerca e i risultati sono piuttosto gravi. Riguardo all’obesità, per gli uomini, l’aspettativa di vita si abbassa di 4,2 anni, mentre per le donne scende di 3,5 anni.

Tuttavia, non è soltanto l’obesità a mettere a repentaglio la vita delle persone, ma anche chi pesa troppo poco deve fare i conti con un’aspettativa di vita più bassa. Il risultato è di 4,3 anni in meno per gli uomini e 4,5 anni in meno, invece, per le donne.

Gli autori dello studio hanno ammesso che la perdita o l’aumento di peso è correlato da molte malattie. Per esempio, le malattie cardiovascolari, le malattie respiratorie, le patologie al fegato e i tumori possono essere una diretta conseguenza dei disturbi alimentari.

controllo-del-peso

Il piano lanciato dall’Italia è di rivedere il regime alimentare degli italiani, che dovrebbero fare attenzione alla tavola e alla linea, ma senza essere ossessionati dal proprio peso. Dunque, sì, seguire la dieta è indicato, fare qualche strappo è indispensabile, così come avere una sana attività fisica, ma dobbiamo controllare il nostro peso in modo che non sia troppo basso né troppo elevato.

In ultimo, è consigliabile farsi seguire da un nutrizionista: se soffrite di disturbi alimentari, fatene presente al vostro medico di base, che vi indicherà la terapia migliore per riprendere possesso del vostro corpo e della vostra felicità.