Come pulire la vetroresina

Come pulire la vetroresina alla perfezione: tutti i trucchi e i consigli

Scopriamo insieme tutti i trucchi e i consigli su come pulire la vetroresina senza graffiarla

Scopriamo insieme come pulire la vetroresina, come eliminare lo sporco, le macchie e le incrostazioni. La vetroresina è una fibra sintetica composta da una resina di plastica e delle fibre di vetro.

È un materiale resistente ma che non va mai grattato o graffiato perché non solo può rovinarsi ma può anche essere nocivo per la nostra salute.

La vetroresina va quindi pulita senza usare spugne e spazzole abrasive, saponi o detergenti corrosivi e altri materiali che possono danneggiarla.

La vetroresina è spesso usata per vasche da bagno, docce e lavandini, è resistente e leggera ed è anche molto più economica della ceramica.

Consigli su come pulire la vetroresina

Come pulire la vetroresina

Per pulire la vetroresina vi consigliamo di scegliere rimedi naturali o saponi neutri e cercare di fare delle pulizie giornaliere o comunque frequenti, per evitare incrostazioni e macchie.

Potete pulire la vetroresina usando una miscela di detersivo per piatti e sapone neutro, detergenti molto efficaci che però non danneggiano questo materiale. Usate solo spugne morbide e panni in microfibra, la vetroresina non si deve mai grattare e graffiare perché contiene fibre di vetro.

Se volete fare una pulizia più efficace potete utilizzare aceto e bicarbonato e mescolarli tra loro, oppure miscelarli con il detersivo per piatti o con il sapone neutro. Lavate la superficie e passate il prodotto con la spugna, massaggiate e se serve insistete un po’ in modo che il detergente possa sciogliere lo sporco.

Ogni tanto potete utilizzare anche detergenti più efficaci, l’importante è che siano specifici o almeno compatibili per la vetroresina.

Come rimuovere le macchie difficili

Come pulire la vetroresina

Se ci sono delle macchie difficili potete procedere in questo modo. Prendete una ciotolina e mettete dentro il bicarbonato e il sale fino, aggiungete un po’ di aceto in modo da creare una pasta morbida.

Mettete il composto sulla macchia e lasciatelo agire per qualche ora, vi consigliamo tra le 4 e le 12 ore per le macchie più difficili.

Questa procedura va benissimo anche in caso di aloni, ruggine, macchie e incrostazioni particolarmente ostinate.

Se ci sono invece aloni causati da flaconi, detersivi o oggetti appoggiati sulla superficie in vetroresina, vi basterà usare l’aceto bianco.

Fonte foto Pixabay, Pixabay, Pixabay

Come pulire un fornello bruciato: tutti i trucchi e i consigli per farlo splendere

Come pulire un fornello bruciato: tutti i trucchi e i consigli per farlo splendere

Spugne per lavare i piatti: il significato dei colori

Spugne per lavare i piatti: il significato dei colori

Come pulire una cover trasparente e togliere il giallino dalla superficie

Come pulire una cover trasparente e togliere il giallino dalla superficie

Letti singoli o letto a castello? La soluzione migliore per la cameretta

Letti singoli o letto a castello? La soluzione migliore per la cameretta

Come pulire le veneziane, tutti i trucchi per evitare gli accumuli di polvere

Come pulire le veneziane, tutti i trucchi per evitare gli accumuli di polvere

Come pulire il barbecue: attenzioni, trucchi e consigli per farlo risplendere

Come pulire il barbecue: attenzioni, trucchi e consigli per farlo risplendere

Ricavare spazio lavanderia? Si può, seguendo questi piccoli consigli

Ricavare spazio lavanderia? Si può, seguendo questi piccoli consigli