99enne riceve una lettera dal vecchio fidanzato 77 anni dopo avergli scritto

Mai disperare: 99enne riceve risposta del fidanzato 77 anni dopo avergli scritto!

Home > Coppia e relazioni > 99enne riceve una lettera dal vecchio fidanzato 77 anni dopo avergli scritto

Una nonna di 99 anni ha ricevuto una lettera che aspettava da 77 anni. Era la lettera d’amore del suo vecchio fidanzato, scomparso durante la seconda guerra mondiale. Phyllis Ponting ha ricevuto la missiva scritta a mano dopo che è stata recuperata dal fondo dell’Oceano Atlantico, probabilmente scivolando via dalla nave da carico affondata nel 1941 che la trasportava.

Phyllis Ponting

La donna aveva inviato una lettera al suo fidanzato dell’epoca, Bill Walker, che stava servendo in India con il Reggimento del Wiltshire. In quella lettera accettava la proposta di matrimonio che lui le aveva fatto. Non ricevendo dall’uomo alcun messaggio di risposta, aveva pensato fino a oggi che forse lui nel frattempo avesse cambiato idea.

lettera dal fronte

Nella lettera scritta dal fidanzato, invece, l’uomo si diceva felice per il suo sì, tanto da piangere di gioia. “Vorrei che tu fossi stata qui quando l’ho aperta“, ha scritto l’uomo. “Se solo sapessi quanto mi hai reso felice, cara“.

Bill Walker

Fino a oggi la donna non ha mai saputo niente del destino del suo fidanzato. Non sa se sia sopravvissuto o meno alla guerra. E’ andata avanti con la sua vita sposando Jim Holloway, con il quale ha avuto quattro figli. E oggi è nonna di quattro nipoti e bisnonna di sette pronipoti. Il primo marito è morto da tempo e lei si è sposata in seconde nozze con Reginald Ponting.

“Non penso che Bill possa essere sopravvissuto alla guerra, altrimenti sarebbe venuto dritto al mio indirizzo in Roseland Avenue”, ha raccontato la donna che spiega come la sua vita sarebbe stata diversa se avesse ricevuto allora quella lettera del suo vecchio fidanzato.

lettera

Oltre a quella lettera gli esperti ne hanno ritrovate anche altre, perfettamente conservate. E molte di queste, in copia, sono state consegnate alle persone che da anni le attendevano magari con ansia, o ai loro eredi.