6 motivi per evitare il glutammato

Ecco perché è meglio limitarlo nell'alimentazione.

 

Glutammato, meno ne mangiamo e meglio è. Senza demonizzare nulla, sappiate che questo additivo alimentare, presente nei dadi da cucina e anche in moltissimi altri cibi confezionati, contiene altissime quantità di sodio: se sappiamo che è comunque presente naturalmente in molti alimenti, quello utilizzato a livello industriale non è del tutto naturale. La documentazione attualmente a disposizione non ci dà consigli sulla quantità raccomandata, sui limiti di assunzione o su rischi gravi per la salute, ma visto che possiamo farne a meno, meglio limitarlo al minimo indispensabile. Ecco perché dovremmo ridurne il quantitativo assunto.

glutammato1
Meglio limitare il consumo di glutammato

1. E’ un additivo artificiale

Non è naturale, è un prodotto industriale. Possiamo farne a meno e sostituirlo con prodotti naturali, magari fatti in casa.

2. E’ inutile

Il glutammato serve a dare più sapore ad alimenti che hanno perso il loro sapore originale perché troppo lavorati. Meglio tornare, allora, agli ingredienti naturali.

3. Può causare intolleranze e allergie

Sono aumentati i casi di allergie e intolleranze dopo l’introduzione massiccia di questi e altri additivi artificiali. Non ci sono ancora dati certi, ma finché non ci sarà una ricerca definitiva, meglio limitarlo.

4. Sindrome da ristorante cinese

E’ una sindrome che colpisce chi mangia in un ristorante cinese dove il glutammato è ampiamente presente in praticamente tutti i piatti. Alcuni studi non hanno svelato correlazioni, ma il dubbio persiste.

5. Malattie degenerative

C’è chi sostiene ci sia un legame tra il consumo di glutammato e la comparsa di malattie degenerative, ma anche per autismo, diabete, depressione: non esistono però ricerche scientifiche a supporto di questi dubbi.

6. Obesità

Ci sono esperti di nutrizione che sostengono che il glutammato è correlato all’obesità.

Ecco perché sarebbe bene fare il dado in casa con la nostra ricetta: è più sano, più buono e anche più economico ed evita sprechi alimentari!