Instagram, i Millenials scelgono i ristoranti in base all’aspetto estetico del cibo

I Millenials non scelgono i ristoranti in base alla bontà del cibo. Ma in base all'aspetto estetico. Perché tutto deve finire su Instagram.

Home > Cucina > Instagram, i Millenials scelgono i ristoranti in base all’aspetto estetico del cibo

Il cibo non deve solo più essere buono. Deve anche essere bello da vedere. E bello da fotografare. Perché tanto lo sappiamo tutti che, quando andiamo al ristorante, le foto della mise en place e di quello che arriva nei nostri piatti finirà su Instagram. Per i Millenials questo è ancora di più un dato di fatto. La Food design mania è ormai una realtà consolidata. E a vincere sono i piatti e i locali più instagrammabili.

Mangiare non deve essere solo più un piacere per il palato. Ma anche per la vista, per poter vivere un’esperienza unica, in un locale che sia originale e accogliente, ordinando piatti esteticamente appetibili per il popolo dei social network. Per i Millenials è ancora più fondamentale, come dimostra una ricerca pubblicata su The Independent secondo cui più del 40% di loro sceglie un locale anche in base all’estetica della tavola.

Un altro studio americano pubblicato su Business Insider svela che il 99% di chi appartiene alla Generazione Z e dei nativi digitali si informa proprio sui social e sui portali di recensioni per poter scegliere dove mangiare. Uno studio condotto in occasione della Milano Design Week da Espresso Communication su testate internazionali dedicate a lifestyle, attualità e tendenze, che ha coinvolto anche un panel di esperti di food design e dello stile a tavola, per Vitavigor, storico marchio milanese di grissini, ci informa che l’hashtag #FoodDesign è molto utilizzato.

Il food design influenza le scelte dei ristoranti

È inevitabile. Perché se i giovani scelgono in base all’estetica, niente può più essere lasciato al caso. Gli esperti di stile devono rendere tutto più instagrammabile. Come hanno già fatto diversi ristoranti in giro per il mondo. Il Loulou di Parigi che interpreta in modo raffinato il vivere parigino. il Noma di Copenaghen che sembra un villaggio scandinavo, il White Rabbit di Mosca che è un locale decisamente alla moda.

E ancora, lo Sketch Gallery di Londra, che vanta due stelle Michelin, il Palm Court di New York, il Takazawa di Tokyo, l’Elon Cafè di Londra, il 230 Fifth di New York, il Nobu Malibu, ristorante glamour di Malibu, e il Catch di Los Angeles, il locale più fashion di tutta la West Hollywood.