Assistente sociale vola in cielo e tutti scoprono cosa nascondeva

Quest'uomo faceva l'assistente sociale e non condivideva mai nulla con nessuno. Dopo la sua morte, tutti capiscono il motivo

Home > Lifestyle > Assistente sociale vola in cielo e tutti scoprono cosa nascondeva

Alan Naiman, l’uomo protagonista di questa storia, era un assistente sociale, un lavoro che, come già saprete, non è sempre facile. Ogni giorno incontrava persone di ogni genere, con problemi più o meno gravi. Non si è mai sposato, non ha mai avuto figli, era sempre stato un tipo piuttosto solitario, amava solo la propria compagnia.

Non erano in molti a conoscerlo, ma nemmeno questi avevano idea del segreto, che per anni, aveva nascosto. Alan di solito non amava spendere soldi, quando gli si rompeva un paio di scarpe, preferiva riparlarle, piuttosto che comprarne un altro paio. Comprava sempre quando c’erano i saldi e nei supermercati, solo ciò che era in offerta. Era conosciuto come un uomo “tirchio”, che pensava solo al risparmio. Tutto questo fino alla sua morte, dopo la quale hanno scoperto il suo segreto. Alan guadagnava abbastanza bene con il suo lavoro di assistente sociale e molto spesso aveva fatto secondi lavori, per garantirsi un extra. Tutto questo perché aveva un fratello con delle gravi disabilità e non aveva mai parlato con nessuno. Non solo, Alan aveva anche adottato un bambino bisognoso, altra cosa di cui nessuno era a conoscenza. Quando Alan morì e il suo testamento venne fuori, tutti scoprirono perché negli anni aveva sempre risparmiato e aveva rinunciato a “viziare” la sua persona. Questo grande uomo ha lasciato un’enorme somma di denaro con la pretesa che fosse data in beneficenza per tutti i bambini malati e orfani.

Inoltre, voleva che ogni organizzazione benefica, ricevesse una parte stabilita di denaro, per aiutare tutti i bambini con madri che abusavano di droga.

Nessuna di queste associazione aveva mai avuto a che fare prima con Alan, nessuno lo conosceva. Soltanto molti anni prima, una di queste, aveva ricevuto una chiamata dall’uomo, per una richiesta d’aiuto con un bambino, ma gli operatori non lo avevano mai incontrato di persona.

Gesti altruisti come questo, non si vedono di certo ogni giorno. Alan è un grande uomo e sarà ricordato per sempre, per aver cambiato la vita di molti bambini. RIP, eroe!

Se vi è piaciuta questa storia, leggete anche: Il testamento di Holly Butcher