Il bambino che ha bisogno di correre per vivere

Ecco la sua particolare storia

Home > Lifestyle > Il bambino che ha bisogno di correre per vivere

La storia di Jake è la storia di un bambino che per sopravvivere ha bisogno di correre. La storia di un bambino di soli 7 anni a cui, circa 3 anni fa, hanno diagnosticato una malattia di cui si contano appena 75 casi in tutto il mondo. 75 persone soffrono di questa malattia rarissima e Jake è uno di loro.

La-storia-di-Jake

La malattia di cui parliamo so chiama Sindrome ROHHAD ed è una malattia che ad oggi, purtroppo, non ha una cura. Si tratta di una patologia a livello ormonale che induce le persone che ne soffrono ad ingrassare in maniera esponenziale, causando tutte le conseguenze che derivano dall’obesità.

Come detto, la famiglia di Jake si è accorta che qualcosa non andava circa 3 anni fa. Il bambino, infatti, era ingrassato più di 10 chili nel giro di appena 6 mesi, nonostante seguisse una rigida dieta a base di frutta e verdura.

Da questo momento, per Jake è iniziata una lunga fase tra visite e ospedali, fino alla terribile notizia: Jake soffre della Sindrome ROHHAD. Una malattia per cui, purtroppo, non esiste cura. L’unica cosa che il piccolo Jake può fare è impegnarsi per evitare di accumulare peso.

Jake-un-esempio-di-grande-forza

Ed è proprio da qui che la grande forza di volontà di Jake è venuta alla luce. Il bambino, nonostante la situazione drammatica e difficile, non ha infatti mai mollato, allenandosi e faticando ogni giorno per tenersi in forma.

Jake, infatti, partecipa alle maratone e alle gare di triathlon, con l’obiettivo di cercare di arginare gli effetti della sua malattia. La madre del bambino ha rilasciato un’intervista, spiegando che lo sport aiuta Jake non solo per la sua salute.

Il-bambino-si-allena-tutti-i-giorni

Secondo la madre del piccolo, infatti, lo sport lo aiuta anche a socializzare con gli altri bambini e fare nuove amicizie, dal momento che l’associazione di triathlon con cui si allena è praticamente diventata un’altra famiglia per lui. L’allenatore di Jake ha dichiarato che il bambino non ha mai mostrato segni di cedimento, non saltando mai un allenamento e impegnandosi sempre al massimo.

Una storia, quella di Jake, che non solo ha commosso il mondo intero ma che deve essere un esempio per ognuno di noi. Jake è un bambino di 7 anni, sicuramente sfortunato, ma con una forza di volontà che in pochissimi hanno.