La routine quotidiana di Rio con i macchinisti

L'amicizia speciale tra Rio ed i macchinisti del treno

Home > Lifestyle > La routine quotidiana di Rio con i macchinisti

Ogni amicizia è speciale a modo suo. Oggi, proprio per questo abbiamo deciso di parlarvi di una bambina, chiamata Rio, che ogni giorno faceva qualcosa di davvero commovente. A raccontare la storia è stata proprio sua madre, Briana Hefley Shepard, su Love What Matters. La donna ha scritto:

la-routine-quotidiana-di-Rio-con-i-macchinisti

“L’attività della mia famiglia si è trasferita circa tre anni fa, nella nuova sede a Tulsa, in Oklahoma. Si trova proprio lungo i binari del treno. Infatti, noi li vediamo sempre e mia figlia Rio, veniva con noi al lavoro, solo per questo. Si metteva in piedi sulla finestra ed ogni volta che passavano, cercava di farsi notare dai macchinisti, per salutarli. Con il passare del tempo, per loro era diventata una routine. Loro suonavano, la mia bambina si affacciava e si salutavano. Poche settimane fa, però, Rio ha iniziato la scuola. Questo fatto, mi ha colpito duramente ed infatti, i primi giorni sono stati molto difficili per me. Però, la cosa che mi ha fatto piangere di più, è stato il primo giorno. Precisamente quando è passato il treno e lei non c’era. Il macchinista ha suonato, come suo solito, ma Rio, non era sulla finestra. Ero rimasta sola e questo, mi faceva molto male. Il giorno dopo, ho deciso di informarli. Per questo ho messo un biglietto sul vetro ed ho scritto: ‘Ha iniziato la scuola’. Stamattina, però, pochi minuti dopo essere entrata nel mio studio, qualcuno ha bussato alla mia porta. Era un uomo, con una divisa gialla ed i tappi per le orecchie.

la-routine-quotidiana-di-Rio-con-i-macchinisti 1

Credevo che fosse uno degli operai edili che lavorava con noi, perché è di questo che noi ci occupiamo. In realtà, però, mi sbagliavo. Era uno dei macchinisti che era entrato per domandarmi che fine avesse fatto la bambina con i capelli biondi, che li salutava ogni giorno.

la-routine-quotidiana-di-Rio-con-i-macchinisti 2

Aveva visto il mio biglietto, ma non riusciva a leggere bene da dentro il treno. Per questo era sceso. Mi ha detto, che per tre anni, è stato molto felice di avere avuto una routine speciale con mia figlia Rio.

la-routine-quotidiana-di-Rio-con-i-macchinisti 3

Inoltre mi ha detto che insieme ad alcuni dei suoi colleghi, volevano farle un regalo ed io li ho informati che sarebbe stato molto a breve. La visita di oggi e tutto quello che c’è stato in questi anni, mi ha dimostrato che nel mondo, esiste ancora il bene e l’umanità.Questi sono momento che ricorderò per sempre!”

la-routine-quotidiana-di-Rio-con-i-macchinisti 4

Questa storia è bellissima…. Io personalmente ho le lacrime agli occhi…

Se vi è piaciuto questo articolo, potete leggere anche: I biglietti tra Gloria e Jeff