Progetto Gubbio: chiesa apre le porte ai senzatetto, per ripararsi di notte

A San Francisco le chiese aprono le porte, di notte, ai senzatetto della città

Home > Lifestyle > Progetto Gubbio: chiesa apre le porte ai senzatetto, per ripararsi di notte

In ogni parte del mondo, ci sono persone costrette a vivere per strada, senza una casa e senza un soldo per mangiare. In alcune città, i senzatetto son diventati quasi un’epidemia, a cui nessuno si ferma per prestare aiuto. Vengono ignorati e lottano ogni giorno solo per poter mettere qualcosa tra i denti.

Oggi però vogliamo raccontarvi di questa immagine, che vedete di sopra e che si è viralizzata, a macchia d’olio, su tutti i social network. E’ stata scattata in una chiesa di San Francisco, conosciuta come la città dell’amore. Qualcuno si è mobilizzato per combattere l’elevato tasso di senzatetto presenti nei vari quartieri. Queste povere persone vagano per la città, senza un euro per mangiare, senza un posto in cui dormire e con dei vestiti inadeguati per affrontare la fredda stagione. E’ stato avviato un progetto, chiamato progetto Gubbio, grazie al quale delle persone con il cuore d’oro, stanno cercando di mobilitarsi per aiutare questi senzatetto. Di notte aprono le porte di due chiese,  la chiesa di San Bonifacio e la chiesa apostolica di San Giovanni, per permettere a queste persone di entrare e di dormire al caldo. Si prendono cura di loro e cercano di soddisfare i bisogni primari per garantirgli una vita giusta, come un buon pasto caldo o dei vestiti con cui ripararsi dal gelo.

Guardate di seguito il video del progetto Gubbio:

Non è fantastico quello che fanno queste persone?

Questa immagine è stata condivisa con la speranza che possa essere d’ispirazione per tutti coloro che hanno la possibilità di avviare un progetto del genere in altre parti del mondo. Voi cosa ne pensate?

Se vi è piaciuta questa storia, leggete anche: Senzatetto si spegne da solo aspettando il suo cane