Trovati mamma e figlio di trecento anni

Mamma e figlio sono stati trovati nella cripta di una chiesa, diversi anni fa. La verità è venuta fuori dopo molto tempo.

Home > Lifestyle > Trovati mamma e figlio di trecento anni

Molti anni fa, durante il 1994, alcuni archeologi hanno fatto una grande scoperta sotto una chiesa in Ungheria. Nella struttura c’erano dei scrigni perfettamente conservati e due corpi mummificati di una donna e madre di 38 anni di nome Veronica Skripetz e suo figlio Yohan, un bambino di soltanto un anno. Si è sospettato, all’inizio, che fossero morti entrambi per via della tubercolosi.

I loro corpi, non molto tempo fa, sono stati portati al Centro Medico Globale della Contea di Orange, a Santa Ana, in California. Medici esperti hanno lavorato su di loro, per capire quanto più possibile sul loro passato e sulla ragione della loro morte. Veronica e suo figlio non sono state le prime mummie ad essere state trovate nella chiesa in Ungheria. Erano state trovate in precedenza, anche altre 250 mummie. Alla fine, dopo i vari studi e i vari test, gli esperti sono riusciti a scoprire che Veronica, come sospettato, è morta di tubercolosi intorno al 1808, ma suo figlio morì, probabilmente, di dissenteria. Questa mamma si era sposata con un uomo di nome Michael Orlovits, il cui corpo si trova tra le 250 mummie. Dopo un anno dalla fine della loro relazione, Veronica si è sposata di nuovo, ma dopo un anno è morta. Yohan non era il suo primo figlio, bensì il terzo, ma nessuno dei tre ha superato i due anni d’età. Dopo l’analisi del corpicino di Yohan, gli esperti hanno stabilito che il bambino non era denutrito, anzi al contrario era paffutello e non aveva malattie, ne ossa fratturate. Le sue viscere erano relativamente pulite, prive dei microbatteri normalmente presenti nel nostro intestino che ci aiutano a digerire il cibo. La dissenteria è stata probabilmente la colpevole. Senza trattamenti moderni come la reidratazione attraverso i fluidi per via endovenosa, la dissenteria poteva essere fatale in quell’epoca.

Queste che vedete sono le immagini di Victoria e il suo bambino:

Si dice che i loro corpi si siano mantenuti, perché la cripta è stata coperta e dimenticata, ma il flusso costante di aria all’interno, era sempre fresco e secco.

Sono riusciti a scoprire i nomi della maggior parte delle mummie, i loro legami familiari e le loro occupazioni, grazie a dei registri e alle scritture della Chiesa sulle bare.

Leggete anche: Mummia di 100 anni, apre gli occhi nel museo di Palermo