La proposta della Sardegna: mille euro per le mamme

La nuova proposta dopo la raccolta firme: mille euro al mese per 8 anni, per fare la mamma

Home > Mamma > La proposta della Sardegna: mille euro per le mamme

La nuova proposta che si sta diffondendo, è stata fatta dalla Sardegna, con esattezza dal coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, Mirko De Carli, dopo un’iniziativa popolare. Questa proposta prevede un supporto economico a chi fa la mamma a tempo pieno, di ben mille euro. De Carli ha presentato la proposta di legge, con una raccolta momentanea di circa cinquantamila firme.

Sono molte le mamme che non hanno un’occupazione e che si dedicano soltanto ai loro figli. Questa proposta vuole dare a queste donne, uno stipendio, un supporto di mille euro, per aiutarle a fare ciò che già fanno, senza difficoltà economiche. Questi mille euro, saranno erogati fino al compimento degli otto anni d’età del bambino ( se si hanno più figli al di sotto di questa età, l’incentivo verrà erogato per ognuno di loro, fino al terzo figlio). In casi di figli con diversità, il supporto sarà a vita. I soldi a disposizione per questa iniziativa, verranno ricavati dal fondo della Presidenza del Consiglio per le politiche familiari. L’intento è quello di far si che la Sardegna sia la prima in Italia ad aderire ad un’iniziativa che supporta le famiglie e quelle donne che dedicano tutta la loro vita alla cura dei propri figli, facendo un vero e proprio lavoro, che purtroppo non viene retribuito. E’ un lavoro che viene sottovalutato, ma che invece è indispensabile per la crescita dei più piccoli e per l’intera società futura. La proposta è già stata presentata, supportata anche dal presidente di Fortza Paris, dal generale Gianfranco Scalas e dal presidente dei Riformatori Michele Cossa.

L’iniziativa ha preso il nome di “reddito di maternità”.

Si attende soltanto la decisione finale.

Guardate il video dell’intervista a De Carli, che ci spiega bene tutto:

Voi cosa ne pensate? E’ giusto oppure no?

Leggete anche: Bonus asilo nido 2019: tutte le novità