Lo strano grumo sul collo della piccola Mila

La storia della piccola Mila e dello strano grumo che aveva sul collo

Home > Mamma > Lo strano grumo sul collo della piccola Mila

Ogni genitore, spera che il proprio bambino, abbia una vita tranquilla e che non abbia mai alcun tipo di problema di salute. Ecco perché, oggi abbiamo deciso di raccontarvi la storia di una ragazza, chiamata Paige Franks e della sua bimba, Mila.

Questa donna, era al settimo cielo quando ha scoperto di essere in dolce attesa, infatti non vedeva l’ora di conoscere la piccola. Il problema, è arrivato quando la bimba è venuta al mondo. I medici nel momento in cui l’hanno vista, non sapevano cosa dire a Paige. Questo perché, Mila quando è nata, aveva uno strano dosso sul collo. Inizialmente i dottori, hanno fatto tutte le ricerche sul caso ed hanno subito capito che in realtà non era un cancro. Però, la mamma non riusciva a convincersi di questa diagnosi. Aveva molta paura, credeva che sua figlia potesse andare via da questo mondo per sempre. Ogni giorno, quella palla, cresceva sempre di più. Paige, ha portato la sua bambina a diverse visite ed ogni volta, la stessa diagnosi. Era un segno di nascita, cioè un’emangioma congenito, una raccolta di piccoli vasi sanguigni sottocutanei. La donna, aveva il terrore di far toccare Mila dagli altri, perché aveva paura che quel dosso potesse rompersi. “Era un’altra testa. Uno dei miei amici scherzando mi ha detto che poteva essere un gemello, ma ovviamente non lo era!” Ha dichiarato Paige in un’intervista. Inoltre, questa madre controllava ogni giorno quella palla e stava sempre molto attenta ad avvolgerlo nell’ovatta ogni volta che uscivano.

 

Alla fine, come per miracolo, tre mesi dopo la nascita della piccola Mila, il grumo ha iniziato a ridursi, nella stessa velocità in cui era cresciuto.

 

Oggi, sul collo della bimba non c’è più nulla e Paige, ovviamente è al settimo cielo per questo.

la-strana-palla-sul-collo-di-Mila 3

Noi non possiamo far altro che mandare i nostri più sinceri auguri a questa madre ed alla piccola Mila.

 

Fate conoscere questa storia ai vostri amici, condividete!

Se vi è piaciuto questo articolo, potete leggere anche: Una domanda che vale più di qualsiasi gesto