Zuo Ye, la modella cinese rovinata dallo spot di Dolce&Gabbana

Non c'è pace per la povera Zuo Ye, la modella protagonista del contestato spot di Dolce&Gabbana.

Home > Fashion > Zuo Ye, la modella cinese rovinata dallo spot di Dolce&Gabbana

La vita di Zuo Ye è stata rovinata completamente da uno spot. Se non sapete di chi stiamo parlando, lei è la modella cinese che è stata protagonista della pubblicità di Dolce&Gabbana che in Cina è stata accusata di razzismo, con conseguente boicottaggio nel paese di tutti i prodotti dell’azienda. Sono passati due mesi da quando la vicenda ha fatto scalpore in tutto il mondo. Ora a parlare è lei, Zuo Ye, che sostiene che la sua carriera è stata quasi del tutto rovinata da quello spot.

pubblicità di Dolce&Gabbana

Dolce&Gabbana ha fatto discutere per i video in cui una ragazza ciinese in abito da sera cercava di mangiare pizza, spaghetti e cannolo con le bacchette. A un certo punto, poi, una voce maschile, mentre mangiava il cannolo, le diceva: “È troppo grande per te?“. Allusioni che hanno fatto traboccare il già colmo vaso.

Stereotipi razzisti mal sopportati dalla Cina e dai cinese. Sui social quei video hanno sollevato un vespaio. Stefano Gabbana e Domenico Dolce hanno cercato di correre ai ripari, con un video di scuse che però non ha convinto nessuno. Mentre in Cina il boicottaggio va ancora avanti. E per la modella protagonista le cose non vanno meglio.

Zuo Ye ha deciso di uscire allo scoperto. Pubblicando un post di scuse su Weibo, social network cinese seguitissimo nel suo paese. La giovane ragazza, che da poco ha ottenuto una laurea alla South China Agricultural University di Guangzhou, ha dovuto difendersi dalle accuse, sottolineando che è rimasta finora in silenzio per non peggiorare le cose.

Zuo Ye

Non mancherei mai di rispetto alla mia madrepatria. Amo il mio paese e sono orgogliosa di rappresentare la Cina in passerella. Ho imparato la lezione e d’ora in poi rappresenterò i cinesi sotto una luce migliore. Mi scuso di nuovo con i miei compatrioti“.

La modella ha anche raccontato di aver accettato perché dovevano essere dei video divertenti sulla cucina italiana, ammettendo, però, di essersi sentita a disagio durante le riprese.