L’incredibile storia di Oscar

4855 persone in fila sotto la pioggia,per salvare la vita a un bambino di 5 anni. L'incredibile storia di Oscar di un umanità ancora presente.

Un bambino con la leucemia e l’enorme cuore di quasi 5.000 persone hanno fatto notizia nelle pagine dei giornali e social network dopo la grande mobilitazione di massa di solidarietà per cercare di ottenere un donatore compatibile per il piccolo Oscar Saxelby-Lee , Worcester, di 5 anni

Nel tentativo di salvare la vita di Oscar, 4.855 volontari si sono sentiti ispirati a diventare donatori di cellule staminali per il bambino. L’ondata di solidarietà fu tale che riempirono più di due stanze alla Pitmaston School, dove frequenta le lezioni di Oscar. Nono si sono arresi per le lunghe code sotto la pioggia, in attesa di sottoporsi ai test necessari, generando un evento storico senza precedenti. Per i genitori di Oscar, Jamie Lee e Olivia Saxelby, i medici hanno dato loro la prognosi devastante nel mese di dicembre, il loro piccolo aveva un periodo massimo di tre mesi per trovare un donatore, se volevano salvargli la vita. L’obiettivo sarebbe quello di prendere le cellule dal sangue del possibile donatore per trattare la leucemia linfoblastica acuta (ALL ), che Oscar ha. Lividi inspiegabili sul corpo del bambino sono stati il ​​segnale che ha allarmato i suoi genitori, e poi hanno ricevuto la prognosi scoraggiante. Sebbene abbia già ricevuto la chemioterapia, la distruzione di cellule sane ha raggiunto un livello tale che ora solo la donazione di cellule staminali potrebbe curarlo. L’ente di beneficenza incaricato di eseguire i test con un tampone ha dichiarato che il suo precedente record per un singolo evento era di 2.200 persone, il che significa che Oscar ha più che raddoppiato la cifra.

Sarah Keating, l’insegnante del bambino, è rimasta scioccata dalla situazione del bambino e dalla solidarietà della gente, dice che in 20 anni della sua professione non ha mai visto nulla del genere. “Non potevo crederci. L’ho visto prima di Natale ed era l’Oscar felice e spensierato di sempre. È un incubo che ciò avvenga. Non puoi davvero farci niente, è straziante. Siamo entrati in azione per cercare di trovare un donatore”, ha detto l’insegnante.

ALL è una malattia rara e colpisce solo circa 650 persone nel Regno Unito ogni anno, di cui circa la metà sono bambini. È un tumore aggressivo e in rapida crescita che causa il rilascio di un gran numero di globuli bianchi sottosviluppati dal midollo osseo malato. Molti sintomi sono appena evidenti e simili all’influenza.

Questo tipo di leucemia può essere trattato con cellule staminali prelevate da un donatore e collocate nel corpo del paziente per sostituire le cellule del sangue malate rimosse durante la chemioterapia. Avere un donatore significa che le cellule iniettate diventano globuli rossi e bianchi una volta entrati nel corpo. Le cellule staminali sono prelevate dal campione di sangue di un donatore, quindi sono preferibili ai trapianti di midollo osseo, che devono essere eseguiti in anestesia generale.

Le persone che si sono presentate a scuola sono state sottoposte a un test sulla saliva in modo che potessero inviarle a un laboratorio per eseguire il test del DNA e vedere se potevano donare le loro cellule del sangue a Oscar. Oscar ha bisogno di un trapianto di cellule staminali per ricostituire le proprie cellule del sangue, che vengono distrutte dalla chemioterapia.

“È davvero difficile trovare una corrispondenza, è essenzialmente come vincere alla lotteria. È molto complesso e, quindi, più persone siamo in grado di entrare in quel registro, più possibilità ci sono di salvare la vita di pazienti come Óscar”, ha detto un portavoce dell’associazione . “È stato un vero guerriero durante la sua malattia. È un bambino divertente, amorevole ed energico che merita di vivere pienamente con altri soldati che combattono contro malattie così orribili “, ha detto sua madre.

“Sentivamo di non poter vedere la luce alla fine del tunnel, ma quando abbiamo guardato il suo sorriso sfacciato, il coraggio e la determinazione di Oscar , siamo riusciti a unire le forze. Da quel momento di paura e confusione, noi come famiglia siamo diventati più forti che mai. Oscar ci ha ricordato come combattere di nuovo. ”

“Non ha mai mostrato debolezza. Non solo ha bisogno di godersi la vita normale che un bambino dovrebbe vivere, ora ha bisogno di qualcun altro per salvarlo”, ha detto sua madre. Ed è per questo che hanno iniziato la campagna chiamata “Mano a mano para Oscar”. Ma non si aspettavano una simile risposta.

In un video emozionale è stato possibile vedere quando hanno celebrato i 1.000 test in un’ora: Più tardi hanno festeggiato i 4.855 … È incredibile! Speriamo davvero che lo sforzo e il nobile cuore di così tante migliaia di persone aiuteranno il coraggioso Oscar a trovare il donatore che gli salverà la vita. Forza, piccolo guerriero! Condividi questa notizia.

Antonio De Marco ha confessato l'omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Arrestato Antonio De Marco: è lui il presunto assassino di Lecce

Supermercati a Napoli assaltati: scaffali vuoti

Rovereto, neonato muore 30 ore dopo la nascita

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Feto abortito in un cassonetto, mamma scoperta dopo un ricovero