“Trashtag Challenge”

"Trashtag Challenge", la nuova sfida virale che potrebbe cambiare il mondo intero e si sta diffondendo ovunque a macchia d'olio.

“Trashtag Challenge”, la nuova sfida virale che potrebbe cambiare il mondo intero e si sta diffondendo ovunque a macchia d’olio. È comune vedere delle sfide virali nei social network che fanno il giro del mondo, facendo sì che molte persone si uniscano in un certo modo di comportarsi,  condividendo le loro foto o video la sfida del momento.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi si tratta solo di tendenze insensate e mode ridicole che non portano a nulla di utile. In altre occasioni però, hanno sollevato una grande ondata di solidarietà, come la Ice Bucket Challenge, che ha sensibilizzato e raccolto fondi per i pazienti affetti da ELA. In tutte le sfide, la meccanica della sfida è soddisfarla, cioè compierla, pubblicare nelle reti un’immagine che lo provi e taggare un amico per unirsi alla sfida raggiungendo così migliaia di persone. Questo è ciò che è successo ora con la nuova sfida virale che ha invaso le reti, la “Sfida dei rifiuti” (Trashtag Challenge) È una nuova tendenza che sta rivoluzionando definitivamente il mondo, anche se c’è ancora molto lavoro da fare, ma questa volta è una sfida che è stata applaudita da milioni di persone perché l’obiettivo è la pulizia efficace del pianeta nel modo più semplice e pratico. Si tratta di pulire aree piene di spazzatura finché non sono totalmente impeccabili e di scattare una foto del prima e del dopo e pubblicarle sulle reti, etichettando qualcun altro per unirsi alla sfida. Il risultato è stato impressionante. Ciò motiva le persone di molti paesi a rendersi conto di quale inquinamento nel mondo causiamo noi stessi, gli umani,  e di come il nostro pianeta possa essere un posto migliore per le nuove generazioni, basta che ognuno faccia un piccolo sforzo per un grande risultato.

La brillante iniziativa è nata da Byron Román, direttore didattico del centro VAREP di Phoenix, Stati Uniti, che ha pubblicato la prima immagine sul suo account Facebook, dando l’idea ai genitori in modo che gli “adolescenti annoiati” abbiano qualcosa di produttivo da fare nel loro tempo.

L’immagine ha funzionato e si è propagato come un incendio nelle reti e ora è la migliore sfida del secolo. La si può eseguire singolarmente, in gruppi numerosi, in coppia o in famiglia, vengono aggiunte ogni giorno nuove foto che  sono incredibili.

Puoi vedere spiagge, foreste e parchi totalmente trasformati in diversi angoli del pianeta.

Le spiagge di Mumbai

Manila Bay era conosciuta come la più sporca del mondo … E guarda ora

In Nepal, questo eroe ha fatto il suo #trashtag da solo

Qui un’intera comunità in California è riuscita a ripulire la loro foresta

Dopo un’ora di pulizia … Che differenza!

Si sono uniti anche dal Sudafrica

È da rimanere senza parole e se qualcosa è chiaro è che questa volta è una sfida che vale la pena seguire e diffondere sulle reti. Senza rendercene conto, finiremo per ripulire il pianeta e creare coscienza per non sporcarlo più. Condividilo e unisciti alla sfida #trashtag!

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Arrestato Antonio De Marco: è lui il presunto assassino di Lecce

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Antonio De Marco ha confessato l'omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale

Rovereto, neonato muore 30 ore dopo la nascita

Jessica crede di essere incinta, ma alla fine...