Adrian finito prima del previsto: ecco spiegato perché

Per i social o per necessità? Adrian finito prima del previsto fa sorgere degli interrogativi sul futuro dello show di Adriano Celentano

Home > Spettacolo > Adrian finito prima del previsto: ecco spiegato perché

Ci sarebbero ancora otto puntate, eppure qualcosa sembra non andare per il verso giusto: Adrian finito prima la sera dell’esordio non sembra lanciare segnali positivi per il futuro. Eppure la serie evento di e con Adriano Celentano era davvero attesissima. Cos’è successo?

Adrian Finito Prima

Dopo settimane di annunci e pubblicità, Adriano Celentano è tornato in tv dopo ben 7 anni di assenza, ma lunedì 21 gennaio, sera del primissimo episodio della serie tv il pubblico si è sorpreso vedendo Adrian finito prima del previso: invece delle 00.15, l’episodio è stato concluso da Mediaset alle 23.15.

Parallelamente, l’episodio stava venendo trasmesso al Teatro Camploy di Verona, e alcune voci dicono che Adriano Celentano, presente alla prima con tutta la sua famiglia, si sia innervosito non poco per le critiche che si susseguivano in sala. La serie tv è stata definita lenta e brutta, e questo non è piaciuto al molleggiato.

Adrian Finito Prima

Non è affatto detto, però, che queste voci dicano il vero, anche perché c’è chi controbatte dicendo che in teatro non ci sono stati commenti irriverenti e che Adriano Celentano e famiglia sono tornati a casa proprio al termine della prima, senza nessuna uscita di scena drammatica.

Com’è, come non è, Adrian finito prima lancia tutta una serie di interrogativi: perché Mediaset aveva programmato di mandarlo in onda fino a 00.15? E perché ha chiuso prima mandando in onda il tg in una fascia oraria a dir poco penalizzante?

Adrian Finito Prima

E poi, perché è stato messo in onda, all’improvviso, il film Ravanello Pallido di Luciana Littizzetto, che non era nemmeno in scaletta? Di fatto non ci sono notizie certe, ma qualcuno dice che a contribuire alla fine anticipata di Adrian siano stati anche i commenti impietosi che si sono susseguiti sui social, compresi quelli su certi sfondi fatti proprio male.

Di fatto, neanche i dati ottenuti in termini di spettatori sono stati granché: sì, sei milioni di persone erano davanti alla tv, ma di fatto sono pochi a fronte dei 28 milioni di euro investiti e della pubblicità martellante fatta in questi mesi. Come andrà a finire?