Adrian La Serie denuncia: contro Napoli e i Napoletani

Adrian La Serie ha sollevato numerose polemiche sul web per avere mostrato la città di Napoli sotto una cattiva luce

Home > Spettacolo > Adrian La Serie denuncia: contro Napoli e i Napoletani

Adrian La Serie potrebbe essere denunciata. La serie di Adriano Celentano doveva essere un’innovazione della tv italiana, ma ha sollevato numerose polemiche soprattutto nella città di Napoli. Durante la prima puntata, tutti hanno notato il palazzo con la scritta “Mafia International“. Ovviamente, la risposta dei napoletani non è mancata e i dati di ascolto della seconda puntata sono miseramente crollati.

adrian-la-serie

Celentano ha sempre avuto un grande seguito al Sud Italia. Molti di noi sono cresciuti con le sue canzoni. Le nostre mamme e i nostri genitori hanno un’immensa stima della figura di Celentano. Il suo obiettivo era semplice: portare una ventata di aria fresca sulla rete televisiva italiana. In parte lo ha fatto: non era mai stato mandato in onda un fumetto in prima serata. Oltretutto, un fumetto creato in Italia.

adrian-la-serie-querela

Quello che avrebbe dovuto essere un successo si è rivelato un flop per molti motivi. Non vogliamo in alcun modo recensire il prodotto, ma sul web sono state numerose le reazioni negative e di scherno. Si sarebbe potuto gestire diversamente? Probabile, ma piangere sul latte versato non apporta alcun beneficio al problema. Ora, però, Adrian potrebbe essere addirittura querelato. Adriano Celentano in persona potrebbe essere denunciato dalla Città di Napoli, che ha già preso qualche provvedimento a riguardo.

adrian-adriano-celentano

L’Associazione Noiconsumatori si sta muovendo a riguardo, supportati dagli avvocati Angelo e Sergio Pisani. La motivazione è la seguente: “Adrian La Serie ha messo senza alcuna ragione sotto una cattiva luce la Città di Napoli”. In effetti, il danno di immagine c’è stato. Molte le battute di scherno sul web, che hanno contribuito a infiammare gli abitanti della città partenopea. Canale 5 potrebbe essere accusata per non avere censurato Mafia International e per avere appoggiato questa “scelta”. La querela potrebbe avere serie conseguenze e il prodotto potrebbe essere chiuso prima del previsto, come è già successo per la prima puntata.