adriano celentano

Celentano, perché si chiama Adriano? Il motivo è tragico

Ecco perché il molleggiato si chiama Adriano. C'è un motivo ben preciso

Adriano Celentano è uno degli artisti italiani più importanti e famosi. La sua carriera è iniziata molto presto da giovanissimo a metà anni 50 e ancora oggi è considerato come una figura centrale per quel che riguarda la tradizione canora, cinematografica e televisiva italiana. Eppure, nonostante in molti conoscano i dettagli della sua ascesa e del suo successo, in pochi conoscono la sua infanzia e in particolare un aneddoto sul suo nome.

adriano celentano
Fonte: Google

L’artista nasce a Milano, dove la sua famiglia di origini pugliesi aveva deciso di trasferirsi per motivi di lavoro. Proprio al momento della sua nascita, i genitori decisero di chiamarlo Adriano. Il motivo è racchiuso in un toccante evento del suo passato.

adriano celentano
Fonte: Google

Adriano proviene da una famiglia che per l’epoca non possiamo definirla troppo numerosa. Prima di lui c’erano 3 sorelle e 1 fratello. Ma 4 anni prima che nascesse sua sorella Adriana venne a mancare all’età di 9 anni a causa di una leucemia fulminante. Un grande dolore per la famiglia Celentano che così al momento della nascita decisero di donare il nome della figlia scomparsa al nuovo nascituro. Così nacque Adriano Celentano.

Un nome Adriano che a distanza di generazioni resta molto in voga nella famiglia visto che anche una nipote del divo del rock and roll anni ’50 si chiama in questo modo.

Adriano Celentano, che lavoro faceva prima di diventare un cantante famoso

adriano celentano
Fonte: Google

Un altro aneddoto deriva anche dal lavoro che faceva prima di diventare un artista di successo. Di origini molto umili come abbiamo detto il giovane Adriano ha svolto svariati lavori. Il principale è stato quello di orologiaio in una bottega della sua zona. Adriano continua a coltivare la passione per gli orologi ancora oggi. Il cantante milanese, infatti, occupa il suo tempo libero dedicandosi a questo interesse che deriva dai tempi della sua gioventù a Milano. A casa sua pare abbia una numerosa collezione di orologi dei più svariati modelli.