Chi è Tonya Harding?

Scopriamo tutto quello che c'è da sapere sulla pattinatrice.

Home > Spettacolo > Chi è Tonya Harding?

Chi è Tonya Harding? Oggi esce il film Tonya, in lingua originale I, Tonya: nel ruolo della pattinatrice americana, una delle donne sportive più controverse di sempre, una bravissima Margot Robbie. Tonya Harding è stata una famosa pattinatrice sul ghiaccio, che è stata spesso protagonista di documentari, talk show. Ma chi è davvero Tonya Harding?

Tonya Maxine Harding, conosciuta semplicemente come Tonya Harding, è nata a Portland il 12 novembre del 1970 ed è un’ex pattinatrice artistica su ghiaccio e pugile americana. Ha avuto un’infanzia difficile, ma nonostante questo è riuscita a sfondare nel mondo dello sport. E’ stata la seconda donna a eseguire il triplo axel in una competizione ufficiale.

Il grande pubblico, però, la conosce meglio per la sua partecipazione a un’aggressione ai danni della pattinatrice Nancy Kerrigan. Era il 6 gennaio 1994. Dopo un allenamento ai Campionati Nazionali, Nancy fu aggredita. Fu costretta a ritirarsi e il titolo andò proprio a Nancy. Quello che è emerso dopo ha sconvolto l’opinione pubblica internazionale.

In seguito si scoprì che Jeff Gillooly aveva assoldato Shane Stant per colpire con una sbarra il ginocchio destro di Nancy Kerrigan. Secondo quanto sostenuto dall’uomo, era d’accordo con l’ex moglie per far fuori la rivale sul ghiaccio. Lei ammise di aver saputo dell’aggressione, ma di non essere lei ad averla voluta.

tonya hardingNonostante la Federazione Americana di Pattinaggio avesse minacciato di toglierle il posto nella squadra olimpica, partecipò ugualmente ai Giochi Olimpici di Lillehammer. Durante l’esibizione, dopo essere arrivata in ritardo, sbagliò sul ghiaccio. Celebre la scena in cui si avvicina ai giudici per chiedere loro di poter ricominciare da capo.

Alla fine arrivò ottava, mentre la Kerrigan, che si era ripresa dall’aggressione, conquistò la medaglia d’argento. A marzo 1994 pagò una multa da 160mila dollari per non andare a processo. La federazione americana le revocò il titolo e la bandì a vita.