Fedez foto

Fedez rivela di aver contattato il Ministro Degli Esteri: il motivo

A Muschio Selvaggio Fedez racconta un aneddoto curioso della sua vita privata

Senza alcuna ombra di dubbio Fedez è uno dei personaggi famosi più amati e stimati nel mondo dello spettacolo. Nel corso di una delle ultime puntate di Muschio Selvaggio, il rapper milanese ha rivelato di aver contattato il Ministro Degli Esteri. Scopriamo insieme il motivo.

Fedez foto

Nel corso delle puntate più recenti del suo podcast di Muschio Selvaggio, Fedez ha raccontato alcuni aneddoti privati della sua vita. Uno di questi risale all’anno 2020, durante il periodo della pandemia da Covid-19. Il marito di Chiara Ferragni ha dichiarato di essersi messo in contatto con il Ministro Degli Esteri dello scorso Governo, ossia Luigi Di Maio.

Ma perchè il rapper milanese avrebbe dovuto telefonare al Ministro Degli Esteri? Si tratta di una storia che risale all’anno 2020, nel periodo della pandemia. Il marito di Chiara Ferragni si è reso protagonista di una telefonata fatta per mettere in contatto Luigi Di Maio con il fratello di Elon Musk:

Sono arrivato a tanto così da avere un rapporto con Elon Musk.

A svelare tutti dettagli della questione è stato lo stesso rapper, così come ha ripreso anche “GossipTv”. Queste sono state le sue parole:

Durante la pandemia, sono stato contattato dalla moglie del fratello. Perché anche il fratello è ricchissimo, ma ha catene di fast food o ristoranti, sta più nel mondo della ristorazione. E loro volevano donare, cioè Elon Musk voleva donare dei respiratori durante la pandemia, delle macchine, dei macchinari, e aveva mandato in esplorazione il fratello con sua moglie per vedere quale paese era più meritevole o aveva più bisogno. E invece che contattare il Ministro degli Esteri italiano hanno contattato noi.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

In questo modo Fedez ha concluso il suo racconto:

Mi hanno mandato dei questionari da far compilare agli ospedali. Io ci ho provato, ma ad un certo punto ho chiamato il Ministro degli Esteri e gli ho detto, zio, fai il tuo lavoro. Ovviamente i respiratori non ce li hanno mai dati, non sono mai arrivati.