Gabriele Pignotta: intervista al regista di Ti sposo ma non troppo

Una chiacchierata sul film, l'amore, il matrimonio, il pubblico, i social network, Elvis e il daiquiri

Dopo avervi parlato del film in uscita al cinema sull’amore e il matrimonio Ti sposo ma non troppo, ecco l’intervista a Gabriele Pignotta, regista ed interprete principale, assieme a Vanessa Incontrada e Chiara Francini.

D – Gabriele, il matrimonio è…
– colpevole di aver generato eserciti di wedding planner
– l’ennesimo mutuo da intestarsi con finalità “acquisto di bomboniere, torta di nozze a 7 piani, menu personalizzato e colombe ammaestrate
– una sinfonia, allegra ma non troppo

R – Una sinfonia, allegra ma non troppo.

D – Il detto recita che “il matrimonio è la tomba dell’amore”. Ti sposo ma non troppo parla di amore attraverso bugie, tradimenti, finzione, ripensamenti ecc… una resurrezione come Lazzaro dal sudario?

R – Assolutamente sì, il matrimonio è un obiettivo alto, nobile ed importante ma essere preparati per arrivarci è una gioia riservata a pochi.

D – Ti sposo ma non troppo, dal teatro al cinema: come cambia il tipo di pubblico? Quale dei due potrebbe giocare in Scapoli vs. Ammogliati?

R – Tutti e due, il pubblico è pubblico! Solo gli addetti ai lavori fanno queste distinzioni, il pubblico siamo noi, soltanto che molti di noi non lo vogliono ammettere e si danno un tono… Il pubblico è gente vera senza sovrastrutture, senza pregiudizi artistici o intellettualistici, il pubblico sceglie con la pancia e con il cuore!

Gabriele Pignotta sul set di Ti sposo ma non troppo - Foto Teodora Film
Gabriele Pignotta sul set di Ti sposo ma non troppo – Foto Teodora Film

D – Nel film gioca un ruolo molto importante l’identità online dei personaggi e social network come Facebook… Quale di questi aggettivi ed hashtag rappresenta il tuo rapporto con i social network:

– entusiasta #daje
– saccente #sapevatelo
– low profile #perdire

R – Entusiasta #daje

D – Il matrimonio perfetto:

– a Las Vegas, con Elvis come testimone che canta “Can’t help fallin’ in love”
– nella chiesetta sulla collina del paese con mamma che piange
– su una spiaggia esotica, voi due da soli, con gonnellino di bambù e daiquiri all-inclusive

R – Nella chiesetta sulla collina del paese con mamma che piange… e un daiquiri in mano.

Gabriele Pignotta e Chiara Francini - Foto Teodora Film
Gabriele Pignotta e Chiara Francini – Foto Teodora Film

D – Nel film sei Luca, un fisioterapista che si finge psichiatra, Andrea (lui) si crea un falso profilo Facebook, così fa Lotty e Andrea (lei) vuol far credere a tutti di stare bene quando non è così. Ma allora in amor, vince chi fugge o chi finge? E chi finge di fuggire?

R – In amore vince chi finge di fuggire… e fugge chi non riesce ad amare…

Dayane Mello: prima concorrente del Grande Fratello Vip?

Arisa, le confessioni sulle sue preferenze in amore

Rocco Casalino paparazzato con l'attore Gabriele Rossi: è amore?

Coronavirus, Lena Dunham: la battaglia non è finita

Loredana Lecciso e Cristiano Malgioglio nuova coppia televisiva

Ornella Muti: morto il genero Andrea Longhi, il compagno della figlia lottava contro un tumore al cervello

Ecco svelato il vero motivo della fuga di Pago Pacifico dopo l'eliminazione del Grande Fratello Vip