Gerry Scotti lacrime Piero Sonaglia

Gerry Scotti in lacrime a Tu si que vales mentre ricorda Piero Sonaglia

Lo storico assistente Mediaset che ci ha lasciati lo scorso aprile è stato ricordato durante la semifinale del programma.

Lo scorso sabato è andata in onda la semifinale di Tu si que vales. Nel corso della serata non sono mancati momenti molto toccanti, come quando Gerry Scotti nel ricordare un collega scomparso recentemente, non è riuscito a trattenere le lacrime.

Il ricordo era verso Piero Sonaglia, assistente Mediaset che ci ha lasciati lo scorso 2 aprile. Piero era un punto di riferimento nei programmi Mediaset di successo, sempre presente a Uomini e Donne, Amici e anche Tu si que vales.

Gerry Scotti lacrime Piero Sonaglia
Fonte: web

La sua scomparsa improvvisa ha lasciato un dolore immenso anche nei numerosi colleghi e addetti ai lavori. Gerry Scotti è sembrato uno dei più dispiaciuti dalla perdita di Piero. Nel corso della semifinale ha voluto ritagliare un momento da dedicare alla sua memoria.

Nel farlo non è riuscito a trattenere l’emozione. “Dalla prima puntata che devo dire una cosa importante, faccio anche un pò fatica a dirla” – ha esordito Gerry.

“Quest’anno non mi avete sentito chiamare Piero, è un pensiero che mi sono tenuto dentro” – ha proseguito scatenando l’applauso dei colleghi e del pubblico presente.

“È un applauso che va a tutti quelli che gli hanno voluto bene” – le parole di Gerry.

Piero era molto amato da tutti, anche Maria De Filippi nel giorno della sua scomparsa regalò delle bellissime parole nei suoi confronti.

“Fa davvero malissimo. La tua voce, il tuo volto, il tuo sguardo attento, il tuo modo di esserci, la capacità di ascoltare. Sempre teso a cercare di fare la cosa giusta. Ho iniziato con te. Ho vissuto il mio lavoro sempre con te, con il tuo sorriso e le tue spalle forti, pronto a portare la tua squadra e me per prima, sempre sani e salvi in porto. Nel modo giusto, per tutti. E ogni volta che sarò in studio non smetterò di cercare il tuo sguardo nella certezza che ti troverò, che mi capirai in un secondo come sempre, nella certezza che alzerai il pollice per dirmi che va tutto bene. Ti ho voluto bene, ti voglio bene e te ne vorrò sempre” – il ricordo di Maria.