La reunion delle Spice Girls si farà, ma senza Victoria Beckham

Ecco tutto quello che dobbiamo sapere.

Le Spice Girls torneranno a esibirsi insieme dal vivo. Che bella notizia per tutti i fan della girl band che negli anni Novanta ci ha regalato canzoni orecchiabili e balletti coreografati che ricordiamo a memoria ancora oggi, nonostante siano passati un po’ di anni. Secondo quanto riportato da The Sun, infatti, le Spice Girls torneranno insieme per una reunion che le porterà a esibirsi su un palco nuovamente insieme nel 2019. Ma c’è un ma. Non ci sarà Victoria Beckham, che forse non vuole “rovinare” la sua carriera da stilista affermata!



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Il giornale inglese, dunque, conferma le voci che da mesi si susseguono, da quando le Spice Girls al gran completo si erano mostrate su Instagram in tutto il loro splendore e la loro maturità. Non sono più le bad girls degli anni Novanta, ma lo spirito rivoluzionario e la grinta non mancano adesso che tutte loro sono diventate mamme e hanno continuato la loro vita e le loro carriere.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Secondo The Sun sarebbero 13 al momento le date che porteranno nel 2019 la girl band a esibirsi nel Regno Unito, anche a Wembley, a Londra. Fuori dai confini del loro paese tutto tace. Come tace Victoria Beckham, la Spice alla moda, moglie del calciatore David Beckham, ora regina dell’industria fashion con il suo fortunato e apprezzato marchio.

Victoria Beckham ha detto di no, nonostante all’inizio si era parlato di un accordo trovato per una reunion al gran completo, un po’ come era successo in occasione della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra 2012.

Vorrà dire che dovremo “accontentarci” di rivedere sul palco solamente Geri Haliwell, Melanie B, Melanie C e Emma Bunton, che pare prenderanno tanti bei soldini (12 milioni di sterline a testa) per questo ritorno in grande stile.

Chissà se Victoria Beckham ci ripenserà, ora che la sua azienda non naviga proprio in buone acque (recentemente pare siano stati licenziati 60 dipendenti per un piano di ristrutturazione del suo gruppo di moda).