Luna Marie figlia Belen

“Luna Marie non è figlia di Belen”: donna si autodichiara madre biologica della piccola

Una 29enne ha pubblicato un video su Tiktok in cui si dichiara madre della piccola.

Va premesso che la notizia tratta un tema molto delicato e va trattato con le pinze. Nelle ultime ore stanno facendo molto scalpore le parole riportate da una 29enne ucraina su Tiktok che sostiene come Luna Marie, la figlia di Belen Rodriguez e Antonino Spinalbanese, possa non essere la figlia naturale della coppia.

La donna si chiama Tatiana Sova ed ha pubblicato un video su Tiktok poi rilanciato su Twitter in cui sostiene di essere stata vittima di un furto di gameti e ovociti che sarebbero poi stati usato per la procreazione assistita.

Luna Marie figlia Belen
Fonte: web

“Belen Rodriguez, Luna Marie potrebbe non essere tua figlia, ma la mia” – le parole della donna nel video.

Tatiana fa anche nomi e cognomi dei presunti medici che ha provveduto a denunciare alle procure di Verona e Ferrara. Tutto sarebbe avvenuto nel 2020 quando alla donna, sottoposta ad un intervento di rimozione di alcune protesi, sarebbero stati prelevati gameti e ovociti. Dopo quell’intervento, Tatiana sarebbe entrata in menopausa e 9 mesi dopo sarebbe nata la figlia di Belen e Antonino.

Luna Marie figlia Belen
Fonte: web

Secondo la 29enne la bambina sarebbe nata con la fecondazione assistita e ad avvalorare la tesi che la figlia possa non essere della showgirl argentina, ci sarebbe la questione della somiglianza. Nel video Tatiana non mostra nessuna prova certa ma solo una sua foto da bambina accanto a quella della figlia di Belen e Antonino. Poi parla del colore della pelle a ancora degli “occhi color ghiaccio come i miei”.

Luna Marie figlia Belen
Fonte: web

“Sono una madre che è stata privata dei suoi figli e sto cercando di trovarli per poterli crescere tutti assieme” – le sue parole.

Le denunce fatta dalla donna alle due procure a quanto pare non avrebbero prodotto risultati e sarebbero state archiviate. Per la donna per proteggere un traffico di organi molto prolifico.