Biondi Lello

Lutto a Salerno: Lello Biondi muore a causa di un malore

Morto Lello Biondi, il cantautore italiano che ha scritto l'inno della salernitana

Nel corso delle ultime ore è giunta una triste notizia che ha sconvolto tutta la città di Salerno. Nella notte tra il 26 e il 27 agosto è venuto a mancare Lello Biondi, un celebre cantautore italiano. L’artista è morto a causa di un malore improvviso. Scopriamo insieme cosa è successo nel dettaglio.

Biondi Lello

La maggior parte delle persone conosce Lello Biondi per essere un celebre cantautore salernitano. L’artista nutriva una grande passione per la salernitana. Infatti è stato lui stesso a scriverne l’inno. A riportare la tragica notizia della sua morte è stata la testata locale Salernonotizie.

Stando a quanto riporta il giornale, Lello Biondi è morto tra la notte del 26 e 27 agosto a causa di un malore improvviso. Alla luce del suo decesso, numerosi sono stati i messaggi di cordoglio da parte dei suoi familiari e degli utenti del web.

Tra le persone che hanno voluto rivolgere l’ultimo saluto al cantautore c’è la sua compagna Anna Alberti. Queste sono state le sue parole:

Amore mio se l’ambulanza non ci avesse messo 40 minuti per venire da te a quest’ora staresti ancora con me e con Rossana nel nostro letto. Conoscere te e stato il regalo più bello che Dio mi potesse donare, adesso voglio sapere chi mi darà la forza di vivere senza di te. Ti amo, ti ho sempre amato e ti amerò per sempre nell’amore e nel rispetto. Sarai l’angelo più bello in paradiso vicino al tuo papà che amavi tanto. Riposa in pace bellissimo amore mio.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Lello Biondi Musicammore (@lellobiondimusicammore)

Lello Biondi: la carriera

La carriera di Lello Biondi è stata ricca di successi e soddisfazioni. Il noto cantante ha collaborato con numerosi artisti italiani tra cui Nino D’Angelo. Dal suo sito internet personale possiamo apprendere che le sue canzoni sono state distribuite dalla Dack Record di Bruno Barbone, Dielle.O di Nino D’Angelo e VIS RADIO di De Paolis.