Rocco Siffredi: “Ecco cosa farei se mia moglie mi lasciasse”

La confessione del regista e attore alla radio.

Home > Spettacolo > Rocco Siffredi: “Ecco cosa farei se mia moglie mi lasciasse”

Rocco Siffredi, il popolare regista e attore del cinema a luci rosse, è sposato con la moglie Rosza Tassi (nota anche con il nome di Rosa Caracciolo) dal 1993. Su di lei il 54enne di Ortona ha rilasciato una dichiarazione in radio che dimostra quanto forte sia il suo legame con la madre dei suoi due figli.

Rocco Siffredi: "Ecco cosa farei se mia moglie mi lasciasse"

Ospite del programa radiofonico I Lunatici, Rocco Siffredi ha affermato che “se mia moglie dovesse lasciarmi io me ne andrei in Africa ad aiutare i bimbi in difficoltà. Non avrei motivazioni di vita. Spero che questa ragazza che ha deciso di convivere e condividere con me la sua esperienza di vita sia felice. Mi sono reso conto che a lei del sesso non gliene frega niente, le interessa Rocco e basta. Io la chiamo ‘la principessa triste’. Lei è una donna intelligente perché non ha cercato di cambiarmi”.

Rocco Siffredi: "Ecco cosa farei se mia moglie mi lasciasse"

Siffredi ha anche parlato del rapporto che ha con i figli Leonardo e Lorenzo: “Ho sempre cercato di difendere e proteggere i miei ragazzi. Quando sono nati non accettavo pubblicità e non facevo tv proprio perché so quanto è complicato. Ho cercato di essere quanto più rispettoso possibile”.

Rocco Siffredi: "Ecco cosa farei se mia moglie mi lasciasse"

Rocco, tra l’altro, si sta dimostrando un padre che non vuole interferire sulle scelte dei figli. Di recente, infatti, l’attore ha detto: “Non obbligherò mai Leonardo (a seguire la mia strada e addirittura, se potrò, gli consiglierò di fare altro”, mentre Lorenzo “mi dà un sacco di consigli: è molto bravo con le telecamere, le macchine fotografiche e tutta la tecnologia digitale. È un ragazzo serio, è fidanzato da anni e potrebbe sposarsi anche domani con la sua donna. Che cosa farà in futuro? Ha studiato Economia e commercio, ma a Budapest, dove viviamo, non ci sono grandi banche che gli consentano di fare quello che vorrebbe”.