Susanna Tamaro per la Sindrome di Asperger si ritira dalla vita pubblica

Susanna Tamaro a causa della Sindrome di Asperger di cui soffre da tempo ha deciso: si ritira dalla vita pubblica, non ce la fa più

Home > Spettacolo > Susanna Tamaro per la Sindrome di Asperger si ritira dalla vita pubblica

Susanna Tamaro ha preso una decisione difficile. A causa della Sindrome di Asperger che le toglie le forze, ha scelto di ritirarsi dalla vita pubblica. Continuerà a scrivere i suoi romanzi tanto amati, ma non apparirà più in pubblico. L’annuncio è stato fatto in occasione dei 62 anni della scrittrice italiana.

L’autrice di Va’ dove ti porta il cuore non smetterà di regalarci grandi emozioni con i suoi libri. Ma si ritira ufficialmente da tutti gli impegni sociali. Nel giorno del suo 62esimo compleanno ha annunciato che la sindrome di cui soffre (la stessa di Greta Thunberg) non le dà le forze necessarie per continuare nella sfera pubblica.

Soffro di una sindrome neurologica, quella di Asperger che dà tanti vantaggi, come una memoria spaventosa, ma anche tanti svantaggi, soprattutto dopo 50 anni. Scelgo di rimanere a casa per poter ancora scrivere. Non è un ritiro per il disgusto del mondo“.

L’autrice, che aveva commosso tutta Italia quando la sua piccola cagnolina è morta, annunciando di voler subito accogliere nella sua vita un nuovo compagno peloso, in grado di darle forza, continuerà comunque la sua carriera di scrittrice. Ma ritirandosi a vita privata. Per stare più tranquilla, più calma e per trovare le energie per fare quello che ama di più: scrivere.

Susanna Tamaro

Parlando della sua malattia aggiunge: “Finché ero giovane ho potuto gestirla, dopo i 50 ho cominciato a peggiorare. Non posso più muovermi, viaggiare, fare incontri, non ho più forza per farlo e dovendo scegliere scelgo di rimanere a casa per poter ancora scrivere“.

L’occasione per annunciare il ritiro dalle scene è stato l’evento “Buon compleanno Susanna” che le è stato dedicato a Orvieto. Ha anche donato il Mac con cui nel 1992 ha scritto il suo più celebre romanzo, Va’ dove ti porta il cuore, che ha venduto 15 milioni di copie.