Trussardi Tomaso

Tomaso Trussardi accusa Giovanni Angiolini: “Non posso considerarlo una persona per bene”

In occasione di un'intervista Tomaso Trussardi rompe il silenzio su Giovanni Angiolini

Dopo le numerose indiscrezioni su un presunto ritorno di fiamma con Michelle Hunziker, Tomaso Trussardi è tornato ad occupare il centro della cronaca rosa. Questa volta a rendere il noto imprenditore protagonista di un gossip sono state alcune dichiarazioni rilaciate da lui stesso nei confronti di Giovanni Angiolini. Scopriamo insieme cosa è successo nel dettaglio.

Trussardi Tomaso

Dopo essere stato al centro delle news a causa del suo rapporto con Michelle Hunziker, finalmente Tomaso Trussardi ha deciso di rompere il silenzio. In occasione di un’intervista rilasciata al “Corriere Della Sera”, il celebre imprenditore ha svelato alcuni dettagli della sua vita privata.

Da quando aveva annunciato la separazione con Michelle Hunziker, l’imprenditore è stato sempre al centro del riflettori. Prima di entrare nei dettagli della questione, l’uomo ha voluto mettere a tacere le numerose voci sui presunti flirt con altre donne:

Non c’è stata e non c’è alcuna nuova donna accanto a me. Mi hanno attribuito flirt di ogni genere, la verità è che mi sento temporalmente inadatto a qualsiasi tipo di relazione con una donna diversa da Michelle.

Così come ha sostenuto lui stesso, dopo una storia d’amore così importante come quella con la conduttrice svizzera, non è facile ricominciare. Eppure Michelle ci è riuscita. In merito a questo, l’imprenditore ha affermato:

So che Michelle lo ha fatto, forse per bisogno di conforto e supporto, in un momento molto difficile del nostro matrimonio.

In un secondo momento, Tomaso ha voluto fare un intervento in merito a Giovanni Angiolini, l’ormai ex fidanzato di Michelle Hunziker. Sul medico chirurgo, l’imprenditore non ha affatto una buona impressione. Queste sono state le sue parole:

Un uomo che si insinua in una relazione in crisi, con una donna sposata e madre di due bambine piccole, non posso considerarlo una persona perbene.