UeD: il cavaliere abbandona il trono over

UeD: il cavaliere abbandona per sempre il trono over

Il cavaliere prende la decisione di abbandona il trono over. Dopo la delusione la scelta è definitiva

Ormai la chiusura di stagione di UeD è alle porte, ma le dinamiche in studio sembrano essere appena entrate nel vivo. Il trono over ha ancora moltissimi colpi di scena in serbo per i telespettatori, tra questi anche un addio inaspettato agli studi del programma.

A lasciare per sempre il parterre maschile del trono over è un cavaliere noto al pubblico per aver corteggiato per qualche tempo Ida Platano. Le cose tra loro non erano andate nel migliore dei modi. Dopo il rientro in studio di Riccardo Guarnieri, la dama ha deciso di porre fine alla conoscenza.

Avete capito di chi stiamo parlando? Si tratta del cavaliere Marco Alabiso, che, avendo capito i sentimenti di Ida, ha deciso di non provare ancora a conquistare il suo cuore.

UeD: il cavaliere abbandona il trono over

Purtroppo, però, questo significa anche che non ci sono più motivi che spingano il cavaliere a rimanere nel programma. L’ormai ex cavaliere ha rivelato questa sua decisione ai microfoni del magazine ufficiale di UeD. Marco ha spiegato che: “Ora tornerò a vivere la mia vita come l’ho vissuta fino ad un mese fa”.

L’uomo è sicuro che tra lui e Ida sia tutto finito e lo ribadisce durante l’intervista: “Per me si tratta di un discorso chiuso senza più alcuna possibilità di ripresa. Le ho dedicato tutto il tempo che avevo, sono stato comprensivo”.

“Dopo un inizio così in cui ho capito che la sua attenzione non era rivolta a me ma ad un altro uomo, mi sembra davvero complicato riprendere da dove abbiamo interrotto”.

UeD: il cavaliere abbandona il trono over

Nessuna seconda occasione per la Platano che, secondo Marco, aveva già deciso da tempo: “Ho la sensazione che lei sapesse da tempo che tra di noi non poteva funzionare. Allora perché non dirlo subito?”. Insomma, sembra evidente che l’ex cavaliere sia rimasto deluso ed amareggiato all’accaduto, tanto da arrivare a dubitare della sincerità della stessa Ida.