Come diventare una fashion blogger: i trend (semiseri) di Instagram

Cinque mosse vincenti (e divertenti) per diventare una perfetta trendsetter su Instagram

Amo, fortissimamente amo, tutte le fashion blogger dell’universo. Le amo perché lanciano trend che possono seguire tutti, con risultati più o meno apprezzabili, e perché lasciano spazio per analisi serie (che non troverete in queste righe, vi avviso) e riflessioni meno serie (e se le volete leggete di seguito). Già durante la stagione delle Fashion Week mi ero divertita a recensire Chiara Ferragni con in mano un’ascia i trend su Instagram delle blogger internazionali, ma nel frattempo tanti altri ne ho scovati per voi ed ecco allora le cinque mosse vincenti per diventare una trendsetter del web. Buon divertimento!

Spargere i trucchi sul tappeto e fotografarli dall’alto

Ogni beauty blogger (qui vi svelo tutti i segreti del mestiere) sa che non c’è modo migliore di fotografare rossetti e smalti che gettarli su un tappeto – meglio se di pelo e morbidoso – e riprenderli dall’alto (che è un po’ il trucco base, lo sanno anche i foodblogger). Ma attenzione! Attenzione! Non siete veramente trendy se, insieme a ciglia finte e smalti, non posizionate strategicamente anche un paio di tacco 12. Ancora meglio se vi mettete a scrivere parole a caso (e consumando un intero rossetto) sulle superfici: sono ammesse cose tipo #love #home #joy ma non #fuck #shit #bitch perché non è carino.

Mettere una candelina di compleanno su un cupcake


Ma che davvero pensavate che la torta fosse cool quando con un cupcake colorato si possono fare un centinaio di cose per festeggiare (a parte mangiarlo, che quello le fashion blogger non lo farebbero mai)? Come vi dicevo nel pezzo sui trend della Fashion Week, potete decidere di sospenderlo nel vuoto per fotografare il panorama (ma vale solo se è un bel panorama o se siete in cima a un grattacielo) oppure, più banale, ma sempre d’effetto, potete infilzarci una candelina e festeggiare da vera #birthdaygirl il vostro giorno. Quindi mettete via quel tiramisù che in foto non viene bene!

Avere una bio in cui ci si auto-definisce “Lifelover”

Questa è fondamentale: per essere delle it-girl internazionali dovete amare la vita e dirlo – ma in inglese, che come sapete glamourizza tutto – nella vostra bio personale e su tutti i social su cui siete presenti. Mentre alle persone normali la vita fa schifo, tanto da non inserirlo nemmanco nelle informazioni di Facebook, le fashion blogger invece la amano molto e quindi ci tengono a dirlo a tutti. Così, se volete essere anche voi perfette e facilmente riconoscibili come tali, non tentennate e inserite due o tre parole chiave che dimostrino al mondo che amate la vita e tutto quello che vi offre. Saranno ammessi #lifelover #fashionambassador #glamourevangelist: cercate sempre di distinguervi dalla massa – tendenzialmente non amante della vita e perennemente incline al suicidio.

Non abbiate paura delle altre web-star


L’unione fa la forza e dunque perché non combinare la potenza di fuoco di due web-star in una foto che farà scuola? Meglio se la guest-star è in accappatoio e dunque aggiunge un tocco assolutamente #WTF alla foto. Un effetto che comunque #gvlifestyle non apporta MAI.

Pose discinte a letto e foto ai piedi dall’alto

Non c’è bisogno che vi dica che I VOSTRI PIEDI SONO FONDAMENTALI. Quindi, se volete essere delle vere Fashion Blogger fiche, curateli. Prediligete le foto scomposte, in cui riprendete le vostre gambe a letto in quello che definire sabato mattina pigro è poco, e infatti chiamatelo #lazysaturday che è più glamour. Nel vostro #lazysaturday potrete stendervi sul letto e fotografarvi le membra, oppure mettervi a testa in giù, posizionare saldamente i piedi sulla testiera del letto e poi smarmellare bene nei toni del rosa. Scegliete la vostra posa preferita: di seguito una carrellata di foto ai piedi e foto ai piedi Che proprio no.
Per me è sì:

Foto ai piedi che proprio no:

Alexa: come accendere e spegnere e darle comandi

Il regolamento Facebook: ecco tutti i divieti del social network

Ologrammi e smartphone ci consentiranno di individuare i tumori

Quali sono le app che usiamo di più?

Storie di compleanno su Facebook

Tetris, il classico gioco da computer compie 35 anni

Facebook, Instagram e Whatsapp down: cosa sta succedendo