Gruppi di WhatsApp, cosa cambia

Gruppi di WhatsApp, cosa cambia? Le cose dovrebbero cambiare in meglio, ecco tutte le novità da conoscere

Home > Tecnologia > Gruppi di WhatsApp, cosa cambia

Gruppi su WhatsApp, alzi la mano chi proprio non li sopporta. Soprattutto quando veniamo inseriti all’interno di chat a nostra insaputa. Quando non abbiamo nessuna intenzione di farne parte. Sappiate che le cose presto potrebbero cambiare. E in meglio per chi non sopporta i gruppi su WhatsApp!

whatsapp-chat-insegnante

Da oggi Whatsapp dà una svolta decisamente radicale ai gruppi, per controllarli meglio e per non essere inseriti proprio da tutti i contatti all’interno di chat di gruppo che potrebbero non interessarci. Certo, sono comodi, perché ci permettono di organizzarci, parlare tra più persone, ma a volte sono una vera e propria scocciatura.

Sì, ci riferiamo in particolare alle chat di classe, ma non solo. Perché ormai vengono creati gruppi per qualsiasi cosa. E non sempre siamo interessati a farne parte. Grazie a un nuovo aggiornamento è disponibile sia sui dispositivi iOS e Android si può scegliere nel menu una voce che ci consente di scegliere manualmente quali contatti non potranno mai inserirci in una chat di gruppo.

Possiamo selezionare tutti i contatti insieme o uno alla volta, così tutti coloro che abbiamo inserito in una sorta di black list, di lista nera, non potranno più aggiungerci a un gruppo a nostra insaputa. Dovranno per forza inviarci un invito privato. Al quale potremo semplicemente rispondere con un sonoro “No, grazie”.

Whatsapp-come-spiare-le-chat-dei-nostri-amici

Per poter attivare questa favolosa impostazione, ci basterà andare su Impostazioni, poi scegliere Account. A questo punto andate all’interno di Privacy e selezionate Gruppi. Qui potrete selezionare la voce “I miei contatti escluso…” per scegliere chi non potrà più inserirci nei gruppi.

In questo modo non potremo più essere inseriti in gruppi in cui non vogliamo stare e dare in pasto a gente magari sconosciuta il nostro numero di telefono. E’ proprio una funzione che ci servirà in futuro.