Pagine Facebook geniali: Carlini Maltrattatissimi e Se i quadri potessero parlare

La rubrica dedicata alle pagine Facebook geniali accoglie i Carlini maltrattatissimi e Se i quadri potessero parlare. Buon divertimento!

Il mio obiettivo è farvi conoscere pagine Facebook geniali che, nel marasma di contenuti che ogni giorno visualizzate in timeline, non siete riusciti a beccare. Per questo oggi ve ne presento ben due: i Carlini Maltrattatissimi e “Se i quadri potessero parlare“. Buon divertimento!

Carlini Maltrattatissimi

Carlini Maltrattatissimi Sushi edition. fonte: facebook.com/carlinimaltrattatissimi
Carlini Maltrattatissimi Sushi edition. fonte: facebook.com/carlinimaltrattatissimi

La fan page Carlini Maltrattatissimi nasce per dar dignità a questi simpatici cani e a voi la possibilità di deriderli (i carlini e i loro padroni). E se vi sembra che queste siano due cose che non possano convivere – gli vogliamo bene o no a questi carlini maltrattati e travestiti? – fate un giro sulla fan page dedicata, creata da due personaggi che cercano di riscattare questi poveri cagnolini: non saprete se ridere o piangere. Io ho scelto di ridere prima, poi di rimanere basita e infine di capire perché una pagina Facebook del genere potesse avere successo: la risposta che mi sono data è sempre la solita, ovvero che Fb è il regno del ludico e potenzialmente, solo sul ludico il virale e l’interazione è possibile (anche se ovviamente non è l’unica strada).
Dietro a Carlini Maltrattatissimi sta tanta costanza nel posting e reperimento di foto a volte strabilianti. Il segreto del successo di certe pagine geniali (ricordate Prospettive e inclinazioni impossibili di Mila e Shiro e il Caso Winner Taco?) sta nell’assoluta genericità del tema, nella totale assenza di intenzioni commerciali (l’anima delle fan page Fb, se vogliamo generalizzare) e nella sferzante ironia. Gli utenti ci mettono del loro per segnalare foto di carlini disperati e travestiti da sushi e così la pagina si autoalimenta. Un circolo vizioso niente male, no?

Se i quadri potessero parlare

Quadri parlanti. Fonte: facebook.com/seiquadripotesseroparlare
Quadri parlanti. Fonte: facebook.com/seiquadripotesseroparlare

Se i quadri potessero parlare, fan page che conta circa 500 mila fan, è un meraviglioso spazio Facebook curato da persone che non stento a definire geniali. Siete a terra perché la giornata in ufficio non decolla? Se i quadri potessero parlare verrà in vostro aiuto.
Siete giù perché vi ha lasciato il tipo? Niente paura, un quadro parlante vi dirà cosa fare. E ve lo dirà così:

Quadri parlanti. Fonte: facebook.com/seiquadripotesseroparlare
Quadri parlanti. Fonte: facebook.com/seiquadripotesseroparlare

È una pagina viralissima – grazie al vastissimo bacino d’utenza – in cui i contenuti, di solito una grafica personalizzata con formula quadro famoso + frase geniale incorporata, vengono condivisi e condivisi e condivisi e finiscono sulle bacheche di tutti ed è infatti impossibile che non ne abbiate mai vista scorrere una sulla vostra timeline. Io non so chi è il genio dietro questa pagina ma da Bigodino voglio complimentarmi con lui. Volevo dirgli: bravo, sei un esempio per tutti noi Social Media Manager a caccia di idee geniali per “far girare la pagina” senza spendere un euro. Clap Clap.

Regali tech per te e per gli altri: i 10 migliori per essere sempre avanti

Regali tech per te e per gli altri: i 10 migliori per essere sempre avanti

Alda D'Eusanio: "Il mio neurologo mi aveva sconsigliato il Grande Fratello VIP"

Alda D'Eusanio: "Il mio neurologo mi aveva sconsigliato il Grande Fratello VIP"

Cosa significa Femtech? La rivoluzione rosa che cambia la tecnologia

Cosa significa Femtech? La rivoluzione rosa che cambia la tecnologia

All in One SEO Pack: Wordpress plugin

All in One SEO Pack: Wordpress plugin

I 15 videogiochi anni '90 da rigiocare subito!

I 15 videogiochi anni '90 da rigiocare subito!

7 modi per trovare una persona su internet

7 modi per trovare una persona su internet

Sostituire lo smartphone senza perdere i dati

Sostituire lo smartphone senza perdere i dati