Cane che si morde la coda: perché succede e cosa fare?

Non è solo un proverbio, ma anche qualcosa che può capitare: il cane che si morde la coda è divertente da vedere, ma ci sono dei motivi

Home > Animali > Cane che si morde la coda: perché succede e cosa fare?

I cani, si sa, non possono parlare e quindi non possiamo mai essere sicure al cento per cento di quello che vogliono comunicarci. Così, se da una parte ci diverte vedere Fido intento a girare su se stesso, dall’altra possiamo avere la necessità di sapere cosa spinge un cane che si morde la coda.

In particolare iniziamo a preoccuparci quando un inseguimento occasionale si trasforma in un’abitudine e quando quest’abitudine termina con il mordere o masticare la coda. Scopriamo allora quali sono i motivi dietro questi i comportamenti e se (e quando) dobbiamo preoccuparci.

Perché i cani si rincorrono la coda

Se un cane si rincorre la coda in maniera occasionale, senza morderla, non c’è nessun problema: in genere i cani si rincorrono la coda per richiamare l’attenzione del proprio padrone, per giocare con lui o semplicemente per richiedere qualche coccola extra
cane-che-si-morde-la-coda
Di fatto questo comportamento è salutare fino a quando il nostro amico a quattro zampe non inizia a mordersi. A quel punto ci sono tante cose che dovremmo conoscere, a partire dal fatto che il cane che si morde la coda in genere è un cane che ha qualche tipo di problema.

Non grave, intendiamoci: si tratta di cose risolvibili, ma che sicuramente gli stanno provocando un fastidio tale da prendersela con quella particolare zona. Ghiandole ingrossate, parassiti e problemi di stress possono essere alcune cause, ma adesso le vedremo tutte, una per una.

Il cane piange e si morde la coda

Il fatto che il cane guaisca è solo un allarme extra. In generale il cane che si morde la corda in maniera abituale è un campanello che dovremmo cercare di ascoltare.

Per esempio, una delle ragioni che può portare Fido a mordersi la coda fino a piangere potrebbero essere i parassiti, dunque è consigliato usare i modi per scoprire se il tuo cane ha le pulci. Eliminato questo problema, analizza invece il fattore stress.
cane-che-si-morde-la-coda

Lo stress è una fonte di grande sofferenza per il cane. Forse lo lasci solo troppo spesso o non gli dai le attenzioni che merita? Se è così, probabilmente ha iniziato a mordersi la coda in maniera compulsiva e ora quando lo fa si fa del male e guaisce.

Lo stesso vale per i cani che non fanno sufficiente attività fisica o che non giocano abbastanza: il mordersi la coda può essere un comportamento autodistruttivo conseguente al mancato sfogo di creatività e all’assenza di esercizio. Prova a fare fitness con il cane o a farlo giocare di più: magari smetterà.

Cane che si morde la coda a sangue

Un cane che si morde la coda a sangue è un cane che sta affrontando qualcosa di un po’ più serio di pulci, zecche e stress. Per iniziare ad arginare il problema è consigliabile fargli indossare un collare elisabettiano. A questo punto potrai cercare di capire cosa gli sta succedendo e, se serve, portarlo dal veterinario.cane-che-si-morde-la-coda

Per esempio, il cane potrebbe avere un’allergia. Si può trattare di un’allergia ambientale o a uno specifico prodotto (comprese le fialette antiparassitarie). Se si tratta di questo ti accorgerai che il cane tende a cercare di grattarsi in maniera convulsa e noterai che la coda è un po’ più gonfia, oltre che arrossata e sanguinante.

Anche una lesione alla parte posteriore del corpo può portare il cane a mordersi la coda fino a sanguinare: magari si è fatto male e tu non te ne sei accorta. Cerca di capire come cammina e se il problema viene da una zampina o dall’area attorno alla coda.

Sfiora con cura il tuo amico a quattro zampe e analizza le sue reazioni: i suoi modi di rispondere al suo tocco saranno più esaurienti di qualsiasi risposta online.

Il mio cane si strappa i peli della coda

Il cane si morde al punto da strapparsi i peli e, magari, tende a “camminare” strisciando sul proprio sedere? È quasi del tutto sicuro che si tratti di un problema di ghiandole anali, che con buone probabilità si sono riempite e non riescono a spurgarsi da sole.

Le ghiandole anali canine secernono fluidi che i cani odorano quando si incontrano. Questo è uno dei motivi per cui i cani sono così intenti ad annusarsi estremità posteriore in qualsiasi occasione. In più fungono da filtro nell’espulsione delle feci.

Può capitare che per una cattiva alimentazione, per l’età e persino per le condizioni dell’apparato sessuale del cane, queste ghiandole si infiammino e si gonfino, causando un grosso fastidio al nostro cane. La soluzione? Portarlo dal veterinario, che provvederà ad aiutare il nostro amico a quattro zampe nel processo di “svuotamento”.