Kross

Continuava a leccare la ciotola per la fame: la triste storia di Kross

Aveva iniziato a scavare buche per lo stress e continuava a leccare la ciotola con la speranza che il cibo comparisse da solo: Kross e il suo salvataggio

Il cane protagonista di questa storia si chiama Kross e, purtroppo, è un’altra vittima della crudeltà umana. Spesso ci domandiamo come l’essere umano possa arrivare a compiere dei gesti crudeli e a rimanere impassibile davanti ad una creatura innocente che soffre. A tutto questo, purtroppo, non esiste una spiegazione logica in grado di rispondere a tale domanda.

Kross
Credit Photo: Love Furry Friends

Kross è stato adottato da una coppia che, inizialmente, si è presa cura di lui mostrandogli cosa fosse l’amore. Poi un giorno, quell’uomo e quella donna, come se fosse un vecchio giocattolo, lo hanno gettato nel cortile e non si sono più preoccupati di lui.

Il povero cane è rimasto per mesi attaccato ad una catena, da solo, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ogni tanto i suoi proprietari gli portavano da mangiare, quel poco cibo necessario per tenerlo in vita.

Kross
Credit Photo: Love Furry Friends

Per combattere lo stress, Kross ha iniziato a scavare buche profonde. Così tante che alla fine non aveva più lo spazio per camminare. I vicino lo vedevano leccare la ciotola in continuazione, come se sperasse che il cibo comparisse dal nulla.

L’intervento dei vicini per salvare Kross

Non riuscendo più a sopportare di vedere quel povero cane affamato, solo e triste, i vicini hanno deciso di chiamare l’associazione animalista del posto, la Love Furry Friends.

Dopo la chiamata ci siamo recati sul posto e siamo rimasti sbalorditi da ciò che quel cane era costretto a subire. Quella catena pesava una tonnellata e gli aveva causato gravi ferite al collo. Aveva diverse cicatrici sul muso, probabilmente era stato picchiato.

Così i volontari iniziano a raccontare il salvataggio di Kross.

Kross
Credit Photo: Love Furry Friends

I vicini ci hanno raccontato di aver visto l’uomo picchiarlo diverse volte, la maggior parte perché era ubriaco. La prima cosa che abbiamo fatto, è stata tagliare quella catena. Poi gli abbiamo dato del cibo. Era così felice, che sembrava sorridere!

In seguito, i soccorritori hanno portato il cane dal veterinario, per valutare le sue condizioni di salute. Kross è rimasto ricoverato per due settimane, poiché aveva bisogno di varie cure.

Una volta terminato il periodo di riabilitazione, i volontari lo hanno portato al rifugio. Quando arriverà il momento giusto, i ragazzi si occuperanno di cercargli una famiglia, ma ora vogliono solo dimostrargli che al mondo non esiste solo la cattiveria e che d’ora in avanti nessuno gli farà più del male.

Cani, 4 sintomi che non dovete ignorare

Il salvataggio di Lizzy

La straziante lettera di addio di Nicole Curtis alla sua cagnolina Lucy

Rossano Calabro, gattini murati nel loro nascondiglio

Insegue un gatto ma rimane bloccato su un albero: il salvataggio di Baby

Cane adottato dopo aver inseguito i futuri proprietari per un chilometro

Eroe anonimo realizza box termici per proteggere i cani di strada dal freddo