asinello kye

Kye, l’asinello abbandonato dalla sua mamma: oggi si crede un cane

La storia dell'asinello Kye, abbandonato e rifiutato dalla sua mamma dopo la nascita. Fortunatamente degli angeli si sono presi cura di lui

Kye è un piccolo asino rifiutato e abbandonato dalla sua mamma dopo la nascita. Fortunatamente, i suoi genitori umani proprietari di una fattoria del Regno Unito, si sono presi cura di lui. L’asinello è stato nutrito grazie al latte in bottiglia.

asinello kye

Non solo è cresciuto circondato dall’amore di essere umani, ma anche insieme ad altri cani. Con il passare del tempo, ha iniziato a prenderli come esempio e a comportarsi esattamente come loro.

Oggi ama passeggiare con i suoi genitori umani, rincorrere la palla e perfino rispondere al fischio del suo proprietario quando chiama i suoi cani.

asinello kye

Grazina e John, questo il nome dei due angeli che gli hanno salvato la vita, hanno raccontato di quanto sia stato per loro gratificante aver adottato l’asinello come un animale domestico. E vederlo oggi sano e in salute.

Siamo andati al negozio di animali e abbiamo comprato i pannolini per cani grandi, poiché che non volevamo raccogliere i bisogni d’asino in tutta la casa. Lo lasciavamo uscire, ma la sera lo facevamo rientrare in casa perché aveva bisogno del contatto umano.

Lo abbiamo lasciato giocare e correre con i nostri cani, poiché erano della sua stessa taglia e avevamo paura che gli altri asini potessero colpirlo e fargli del male. Ogni giorno usciva in giardino con loro e quando fischiavo per farli tornare, tornava anche lui.

asinello kye

John ha poi spiegato che sta lavorando affinché un giorno Kye possa riunirsi con gli altri asini della fattoria. Per adesso sta bene ed è felice e ogni giorno diventa sempre più forte. Sicuramente non avrà le stesse forze di un asino cresciuto dalla propria mamma, ma è vivo e non c’è niente che conta di più.

Le immagini di questo asinello si sono diffuse sui social ed hanno scaldato migliaia di cuori di utenti provenienti da ogni parte del mondo.