Cucciolo bianco e nero salvato da un'auto bollente

Lo lasciano per ore ed ore chiuso in auto sotto il sole bollente: “Quando lo abbiamo visto ci siamo convinti che fosse troppo tardi per salvarlo”

Michael e Josh hanno salvato il povero cucciolo bianco e nero da un'asfissia praticamente certa

Essere i proprietari di un cane, o di qualsiasi altro animale, implica una responsabilità nei suoi confronti. Loro ci amano e meritano il nostro impegno costante affinché non gli capiti mai nulla di brutto. Questa responsabilità, evidentemente, non era una qualità delle persone proprietarie di un bellissimo cucciolo bianco e nero salvato all’ultimo minuto da un’asfissia certa.

Cucciolo bianco e nero salvato da un'auto bollente
Credit: Notre_Josh / Twitter

La vicenda arriva da Kansas City, negli Stati Uniti D’America, ma ha ben presto fatto il giro di quasi tutto il mondo.

I fratelli Michael e Josh Lee, stavano trascorrendo un pomeriggio d’estate presso il Kauffman Stadium, mentre assistevano ad una partita di baseball della loro squadra del cuore.

Quell’estate è entrata nella storia per essere stata una delle più calde degli ultimi anni e, proprio quel pomeriggio, le temperature stavano toccando dei picchi raramente raggiunti prima.

Motivo per il quale, molti degli spettatori sugli spalti dello stadio, hanno abbandonato le tribune ben prima della fine della partita. Tra tutti coloro che non hanno resistito e che hanno deciso di tornarsene al fresco in casa, c’era anche la famiglia Lee.

Mentre Michael, Josh e la loro famiglia tornavano nella loro auto nel parcheggio, un triste lamento ha catturato la loro attenzione. Non capivano bene da dove provenisse, ma era chiaro che qualcuno stesse disperatamente chiedendo aiuto.

Il salvataggio del cucciolo bianco e nero

Cucciolo bianco e nero salvato da un'auto bollente
Credit: Notre_Josh / Twitter

Dopo aver vagato nell’intera area del parcheggio bollente, i due fratelli hanno finalmente capito da dove proveniva quel pianto disperato.

Una volta abbastanza vicini a una macchina blu dalla quale sembrava proprio che provenisse quel disperato urlo, si sono affacciati al finestrino e si sono accorti che all’interno si trovava un cucciolo bianco e nero.

I proprietari, probabilmente spettatori anche loro della partita, avevano lasciato il cagnolino all’interno della rovente vettura, non preoccupandosi di lui per diverse ore.

Avevano solamente lasciato il finestrino aperto di qualche centimetro. Un’accortenza che di certo non poteva salvare quel povero cagnolino ormai quasi asfissiato.

Cucciolo bianco e nero salvato da un'auto bollente
Credit: Notre_Josh / Twitter

Senza pensarci un momento, Michael e Josh hanno rotto il finestrino e salvato il piccolo. aveva il corpicino caldissimo e la bocca secca. Se non fossero intervenuti immediatamente, probabilmente sarebbe morto.

Sul posto sono giunte anche le autorità competenti, che hanno indagato su chi fossero i responsabili di quell’atto di maltrattamento vero e proprio.

Per ora non si hanno tracce dei proprietari, ma i poliziotti sperano di risalire alla loro identità grazie anche alle telecamere dello stadio.

Tristezza sul web: è morto il cane Angelo, salvato dalle fiamme della Sardegna

Tristezza sul web: è morto il cane Angelo, salvato dalle fiamme della Sardegna

Legata sotto il lavandino del bagno per settimane, Autumn ha finalmente l'amore che merita

Legata sotto il lavandino del bagno per settimane, Autumn ha finalmente l'amore che merita

Se il tuo cane ti lecca i piedi, ti sta mandando dei segnali

Se il tuo cane ti lecca i piedi, ti sta mandando dei segnali

La vita trionfa: Luce, la cagnolina incaprettata e seppellita viva partorisce i suoi cuccioli

La vita trionfa: Luce, la cagnolina incaprettata e seppellita viva partorisce i suoi cuccioli

Andie, una catena enorme per tenderlo fermo lì

Andie, una catena enorme per tenderlo fermo lì

Strani cuccioli da salvare

Strani cuccioli da salvare

Gatto rannicchiato addosso a un muro pregava che qualcuno lo portasse via da lì

Gatto rannicchiato addosso a un muro pregava che qualcuno lo portasse via da lì