Rivoli, toglie la vita al cane della compagna: arrestato un 44enne

Rivoli, 44enne toglie la vita al cane della sua compagna: arrestato e denunciato dai Carabinieri, dopo l'allarme dei vicini

Home > Animali > Rivoli, toglie la vita al cane della compagna: arrestato un 44enne

La vicenda è accaduta lo scorso 18 maggio, a Rivoli, in provincia di Torino. Un 44enne è stato arrestato per aver tolto la vita al cane della sua compagna. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno denunciato l’uomo per uccisione di animale.

Uomo di Rivoli uccide il cane della compagna

Secondo le notizie riportate, il 44enne ha prima tolto la vita all’animale con un coltello e poi ha tentato di bruciare il corpo. Quando gli agenti hanno raggiunto il posto, l’uomo ha reagito in modo aggressivo, opponendo resistenza e addirittura prendendo a parole i carabinieri, che alla fine lo hanno arrestato ed hanno sequestrato un coltello, una bottiglia di alcol e un accendino.

Uomo di Rivoli uccide il cane della compagna

Si è giustificato dicendo di aver reagito così, perché il cane lo aveva morso.

La vicenda è accaduta fuori l’abitazione del 44enne. Ad allarmare i carabinieri  di Rivoli, sono stati i vicini, testimoni della scena.

Ciò che era rimasto del povero cagnolino, è stato sequestrato dal servizio veterinario dell’ASL To3.

Uomo di Rivoli uccide il cane della compagna

Non è l’unica vicenda che negli ultimi giorni si è diffusa sul web. A Priolo Gargallo è stato denunciato un uomo di 69 anni per aver trascinato un cane con la vettura.

L’accusato si è giustificato attraverso le sue legali, dichiarando che il cane era di sua proprietà e che lo aveva legato alla macchina per non farlo fuggire, ma poi si sarebbe dimenticato di lui una volta risalito a bordo della macchina.

Uomo di Rivoli uccide il cane della compagna

Un passante si è reso conto di ciò che stava succedendo ed ha immediatamente allarmato i volontari dell’Oipa, Organizzazione Internazionale Protezione Animali.

Le due avvocatesse, in difesa dell’uomo, sono state anche minacciate ed insultate sui social network, per aver scelto di difendere l’uomo:

“Ricordiamo a tutti che la difesa è un diritto conosciuto dalla costituzione, che spetta ad ogni individuo”, quanto dichiarato dalle legali.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI