Eli Filiatreau e il cane Titan

Ufficiali regalano un cucciolo ad un ragazzo di 16 anni, dopo aver assistito alla tragica morte del suo cane: la storia di Eli

Eli era uscito a passeggio con il suo pastore tedesco Titan, quando è accaduto qualcosa che non dimenticherà mai

Il ragazzo che vedete nelle foto ha 16 anni e si chiama Eli Filiatreau. Recentemente si è trovato testimone di una scena che ha segnato la sua vita e che mai dimenticherà. Qualcuno ha ucciso il suo pastore tedesco Titan davanti ai suoi occhi.

Eli Filiatreau e il cane Titan

Una morte inaspettata, che ha visto denunciato l’autore del gesto. Gli ufficiali sono rimasti cosi inteneriti dalla vista straziante di quel ragazzo che piangeva per il suo cane, che hanno deciso di fare qualcosa per lui.

Hanno cercato un altro cane bisognoso e lo hanno poi portato tra le braccia di Eli. Non sostituirà mai il suo Titan, ma lo aiuterà a superare quel grande dolore.

Perdere un cane è già un grande dolore, vederlo poi ucciso davanti agli occhi, deve essere un qualcosa che non si può descrivere ne raccontare.

Il 16enne era uscito con il suo pastore tedesco per la solita passeggiata, quando all’improvviso una macchina ha iniziato ad accelerare ed ha investito Titan volontariamente.

Eli Filiatreau e il cane Titan

Non è chiaro il motivo del suo gesto, ma le forze dell’ordine hanno subito individuato il colpevole e lo hanno arrestato.

Gli agenti hanno preso a cuore la storia e quella scena di Eli che piangeva mentre stringeva il suo Titan senza vita. Così hanno provato a riaccendere il suo sorriso e quello di tutta la sua famiglia.

Il nuovo cucciolo ha circa 6 settimane, delle adorabili orecchie che pendono e della zampe grandi. Non sostituirà mai Titan, ma sta già portando tanto amore nella vita di quelle persone.

Si chiama Deputy (Vice), un nome scelto da Eli in onore di quegli agenti di polizia.

Eli Filiatreau e il cane Titan

Un gesto straordinario e altruista che in pochi giorni si è diffuso sul web ed ha raggiunto ogni parte del mondo. Gli ufficiali non vogliono nessun riconoscimento, ma hanno ricevuto numerosi messaggi d’amore e d’affetto provenienti da tantissime persone