Il tribunale restituisce il cane a Alessandro Cecchetto

Vi ricordate Alessandro Cecchetto? Aveva preso a calci il suo cane. È arrivata la notizia che nessuno si aspettava

Il Tribunale ha deciso di restituire il cane al suo proprietario: Alessandro Cecchetto esulta vittoria

Ricordate il video di Alessandro Cecchetto, l’uomo di 39 anni che aveva preso a calci il suo cucciolo di bovaro del bernese? Dopo le immagini diffuse sui social, il povero animale era stato sequestrato e la Procura aveva chiesto una sanzione di 10 mila euro, nei confronti dell’uomo. Pochi giorni fa, è arrivata una notizia che nessuno si aspettava.

Il tribunale restituisce il cane a Alessandro Cecchetto
Credit: Facebook

Il cucciolo di bovaro bernese è tornato con il suo proprietario. Alessandro, supportato dal suo avvocato, ha chiesto ed ottenuto di scontare la pena con il volontariato e i lavori socialmente utili. Di conseguenza, non può esserci il sequestro dell’animale in questione.

Tante le persone che dallo scorso giugno, chiedono giustizia per l’animale, ma Alessandro oggi esulta vittorioso sul suo profilo Facebook. Il 39enne ha pubblicato una foto insieme al cane: “Abbiamo vinto”.

Il tribunale restituisce il cane a Alessandro Cecchetto
Credit: Facebook

Poche parole, che hanno fatto infuriare centinaia di persone. È stata lanciata anche una petizione online, sul sito Change.org.

La vicenda risale allo scorso giugno, quando il 39enne di Aosta aveva preso a calci il suo cagnolino di 5 mesi. La scena ripresa in un video, si era rapidamente diffusa, portando all’intervento delle autorità.

Le associazioni e tutti gli amati degli animali, sono ora indignati davanti alla notizia. Il Tribunale, dopo le violente immagini di un uomo che regge un cane con una mano e lo picchia, ha deciso di restituirglielo. Immagini che abbiamo scelto di non mostrarvi, perché potrebbero urtare la vostra sensibilità. Ma se volete vederle, potete farlo QUI.

Alessandro Cecchetto: le parole della presidente dell’Avapa

Credit video: LauraMJvideo – YouTube

Laura Verdura, presidente dell’associazione Associazione Protezione Animali Valle d’Aosta, ha raccontato che il cucciolo, dopo l’episodio, si era ritrovato in canile. Ma vista la sua tenera età e per paura che subisse danni psicologici, avevano deciso di trovargli una famiglia affidataria. Famiglia che fino a poco fa si è presa cura di lui e lo ha accudito.

Poi, come un fulmine a ciel sereno, la notizia della restituzione al possessore.

Il tribunale restituisce il cane a Alessandro Cecchetto
Credit: Wikipedia

Nessuno ha potuto opporsi alla sentenza e alla fine, il povero cucciolo è tornato tra le mani di quello che lo aveva picchiato e maltrattato.

Da anni, come associazione protezione animali cerchiamo di diffondere la conoscenza e il rispetto del mondo animale, che passa anche attraverso la presa di coscienza che gli animali non sono nostri e che considerarli tali è il frutto di un egoismo che caratterizza purtroppo il genere umano.

Giovane coppia trasforma la moto per viaggiare con i propri cani

Giovane coppia trasforma la moto per viaggiare con i propri cani

Alaskan malamute in aereo con un tutor disabile: il video diventa virale

Alaskan malamute in aereo con un tutor disabile: il video diventa virale

Trovati i gamberetti dinosauro a tre occhi in uno stagno dell'Arizona

Trovati i gamberetti dinosauro a tre occhi in uno stagno dell'Arizona

La storia di Olivia, la cagnolina randagia che aveva partorito tra gli ulivi

La storia di Olivia, la cagnolina randagia che aveva partorito tra gli ulivi

Bambina abbandonata abbraccia il suo cane (VIDEO)

Bambina abbandonata abbraccia il suo cane (VIDEO)

Problemi di scarafaggi, formiche e altri insetti? Ecco una soluzione naturale

Problemi di scarafaggi, formiche e altri insetti? Ecco una soluzione naturale

Uomo salva un cane abbandonato nell'autostrada trafficata

Uomo salva un cane abbandonato nell'autostrada trafficata