neonato carabiniere

Catania, neonato abbandonato in una cesta, con il cordone ombelicale ancora attaccato: il racconto del Carabiniere

Catania, il racconto del carabiniere intervenuto per il neonato abbandonato dietro un muretto

Sono ancora tutti sconvolti da quanto accaduto nel pomeriggio di sabato 28 maggio. Un neonato abbandonato è stato trovato dietro un muretto. Era dentro una cesta, avvolto in una coperta ancora sporca di sangue e con il cordone ombelicale ancora attaccato.

neonato carabiniere

La prima a fare la triste scoperta è stata una donna che abita in quel quartiere. In realtà credeva fosse un piccolo gatto, ma solo quando ha cercato meglio, ha fatto la triste scoperta.

I fatti sono iniziati intorno alle 16 di sabato 28 maggio. Precisamente lungo via Rametta, a Catania. Una stradina che in realtà è piccola, ma molto trafficata.

Una donna che vive in quella zona, dietro un muretto rotto da un incidente avvenuto pochi giorni prima, ha sentito uno strano lamento. Ha controllato bene ed è proprio a quel punto che ha visto un bimbo, con il cordone ombelicale ancora attaccato. Era in un punto leggermente riparato dal sole.

neonato carabiniere

Da qui è partito il tempestivo allarme ai carabinieri ed anche all’ambulanza. Le forze dell’ordine e la gente del quartiere, in attesa dei sanitari, si sono subito fatti avanti per prendersene cura. Hanno preso una coperta pulita e per tenerlo al sicuro, lo hanno messo dentro la volante.

Dalle informazioni emerse dall’ospedale, il bambino era venuto al mondo da poche ore. Probabilmente in un’abitazione in condizioni igieniche precarie. Il cordone ombelicale ancora attaccato, era strozzato da una molletta da bucato.

Neonato abbandonato a Catania: il racconto di uno dei carabinieri intervenuti

Il piccolo al momento è ricoverato in ospedale, ma per fortuna non risulta essere in pericolo di vita. La stessa Procura sta indagando sull’accaduto, proprio per cercare la mamma. Quest’ultima potrebbe essere accusata di abbandono di minore. Il Carabiniere intervenuto Giuseppe Bonaventura, in un intervista con Fanpage ha dichiarato:

Erano circa le 16.15 quando la centrale operativa ci ha segnalato la presenza della cesta. Non era visibile dalla strada, ma era dietro un muretto accessibile a tutti.

neonato carabiniere

Il bambino aveva un colorito roseo e gli occhi aperti. Sembrava in buona salute ed aveva il cordone ombelicale strozzato da una molletta da bucato. Non è una cosa che succede tutti i giorni. Io ero emozionato, perché una creaturina così piccola, lasciata lì… Anche da genitore, è una cosa che ti tocca particolarmente.