Claudia Salvemini vaccinata

Claudia Alivernini, minacce di morte per la prima infermiera vaccinata

Perché minacciare di morte Claudia Alivernini, la prima infermiera vaccinata in Italia?

Claudia Alivernini passerà alla storia come la prima infermiera vaccinata in Italia contro l’infezione da Covid-19. Un giorno storico per tanti, che però si è trasformato per lei in un vero e proprio incubo. Ha dovuto chiudere i suoi account social perché dal giorno dell’iniezione ha ricevuto continue minacce di morte.

Vaccino per combattere il coronavirus
Fonte Pixabay

Claudia Alivernini è un’infermiera che lavora allo Spallanzani. Ed è diventata famosa per essere stata la prima a sottoporsi in Italia al vaccino anti-Covid il 27 dicembre. Un giorno storico per tutta l’Europa, dal momento che tutti i paesi dell’UE hanno iniziato lo stesso giorno.

La ragazza è stata intervistata più volte e il video della somministrazione del vaccino ha fatto il giro del web, con molti commenti entusiasti, per una nuova fase che si spera sia di rinascita e di ripresa.

Vaccine Day in Italia
Fonte Pixabay

Purtroppo tra i tanti commenti entusiasti, ce ne sono molti fuori dal coro. La giovane infermiera ha persino ricevuto minacce di morte nei suoi profili social, oltre che nei profili istituzionali che hanno diffuso la notizia dell’avvenuta vaccinazione.

Per questo motivo Claudia ha deciso di chiudere tutti i suoi account social. E sarebbe anche pronta a denunciare la situazione alla Polizia Postale, anche perché nel frattempo sarebbero nati tanti falsi profili con il suo nome.

Claudia Salvemini vaccinata
Fonte Pixabay

Claudia Alivernini simbolo del Vaccine Day sotto attacco

È considerata il simbolo del Vaccine Day, ma è costretta a non usare più i social per colpa dei soliti leoni da tastiera, criminali che le stanno augurando tutto il male possibile.

E pensare che lei era particolarmente orgogliosa quel giorno:

Con profondo orgoglio e grande senso di responsabilità che oggi ho fatto il vaccino: un piccolo gesto ma fondamentale per tutti noi . Sono qui come cittadina ma soprattutto come infermiera, a rappresentare tutti gli operatori sanitari che hanno scelto di credere nella scienza. Ho toccato con mano e visto con i miei occhi quanto sia difficile combattere questo virus, essendo stata in prima linea dall’inizio dell’emergenza.

Fonte YouTube Il Fatto Quotidiano

Perché tutto questo odio?

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"