Come sarà il natale secondo il nuovo DPCM

Come festeggeremo il Natale secondo il nuovo DPCM: i contrasti con le tradizioni

Natale: Cosa ci aspetta? Ecco come lo festeggeremo qualora dovessero restare in vigore le nuove normative

Quest’anno, il Natale rischia di non essere il momento di ritrovo a cui siamo abituati. La seconda ondata di contagi, infatti, porta con se delle restrizioni che sono nettamente contrastanti con le tradizioni natalizie che da sempre portiamo avanti.

Come sarà il natale secondo il nuovo DPCM
FONTE WEB

Certo, per il momento il DPCM ha istituito queste limitazioni infatti, le regole fino al 3 dicembre 2020. Quello che accadrà successivamente dipenderà dalla situazione sanitaria del paese. Il premier, Giuseppe Conte, confida di poter rendere le restrizioni meno stringenti durante le feste, per poter “salvare il Natale” e l’economia.

Ma, comunque, Conte è stato molto chiaro: alcune delle nostre abitudini, come il capodanno, quest’anno andranno abolite. In effetti, è difficile pensare in un miracoloso miglioramento della situazione nel nostro paese, dato che, come spiegano gli esperti, il picco della seconda ondata è dietro l’angolo. Ma cosa succederebbe se dovessimo davvero affrontare un Natale in lockdown?

Come sarà il natale secondo il nuovo DPCM
FONTE WEB

In primis, a risentirne sarebbe lo shopping. Di sicuro, mercatini di Natale e simili saranno severamente proibiti, dato che il DPCM vieta ogni attività commerciale svolta nella forma di fiere o mercati. Per quanto riguarda le aree gialle e arancioni, si potrà fare acquisti nei negozi, ma nelle aree rosse gli unici acquisti possibili sarebbero online.

FONTE INSTAGRAM

Il governo, però, ipotizza la possibile apertura dei negozi anche nelle aree rosse, per non bloccare completamente l’economia. Ma questa resta un’ipotesi legata a doppio filo con la gravità della situazione sanitaria. Di contro, però, il premier sa bene che quest’anno non ci saranno “baci, abbracci, cenoni e tombolate” per Natale.

Come sarà il natale secondo il nuovo DPCM
FONTE WEB

Infatti, se le restrizioni restassero in vigore, di sicuro il cenone sarebbe la prima cosa ad essere abolita. In primis per via del coprifuoco, che non consente a nessuno di uscire dopo le ore 22:00 ma anche perché le cene e le riunioni tra amici e parenti sono fortemente sconsigliate.

FONTE INSTAGRAM

Certo, nelle aree gialle e arancioni non c’è un vero divieto di questo tipo, quindi resterebbe possibile una cena con pochi invitati, tutti ovviamente muniti di mascherina. Per ovvi motivi lo stesso discorso riguarda anche il pranzo di Natale, che potrebbe essere anche festeggiato al ristorante, col limite di sei persone per tavolo.

FONTE INSTAGRAM

Nelle aree rosse, invece, la situazione sarebbe più drastica, con un vero e proprio divieto ai festeggiamenti in casa. Nelle FAQ del DPCM infatti si legge: “non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso”.

Marta Episcopo, bimba di 10 anni morta a scuola: arrivati i risultati dell'autopsia

Marta Episcopo, bimba di 10 anni morta a scuola: arrivati i risultati dell'autopsia

Nocera Inferiore, Veronica Stile morta incinta di 4 mesi

Nocera Inferiore, Veronica Stile morta incinta di 4 mesi

Diego Armando Maradona, a quanto ammonta il suo patrimonio? Svelata l'eredità

Diego Armando Maradona, a quanto ammonta il suo patrimonio? Svelata l'eredità

Pordenone: ecco quale sarebbe il movente di Giuseppe Forciniti

Pordenone: ecco quale sarebbe il movente di Giuseppe Forciniti

Sardegna travolta dall'alluvione: tre morti e un disperso a Bitti

Sardegna travolta dall'alluvione: tre morti e un disperso a Bitti

Lombardia, prima zona arancione poi non più: l'attacco di Attilio Fontana al Governo

Lombardia, prima zona arancione poi non più: l'attacco di Attilio Fontana al Governo

Pisa, neonato di 5 mesi trovato senza vita nella culla

Pisa, neonato di 5 mesi trovato senza vita nella culla