Dren Bajrami morte 17 anni

Dren Bajrami non ce l’ha fatta: è morto a 17 anni dopo giorni di ricovero

Dopo giorni di ricovero nel reparto di terapia intensiva, il 17enne Dren Bajrami si è spento per sempre: il cordoglio dell'Istituto

Dren Bajrami non ce l’ha fatta, si è spento per sempre dopo diversi giorni di ricovero. Il ragazzo di 17 anni di origine kosovara era caduto dalla finestra della sua camera nella notte tra la scorsa domenica e lo scorso lunedì.

Dren Bajrami morte 17 anni

È precipitato per 5 metri e, purtroppo, dopo la caduta ha riportato gravi conseguenze.

È stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, dove il suo cuore si è fermato per sempre nel pomeriggio del 21 settembre.

Dren Bajrami morte 17 anni

Era arrivato in Italia come minore straniero non accompagnato ed era ospite in una struttura. Domenica notte è caduto dalla finestra della sua camera e non è ancora chiaro cosa e come sia accaduto. Le forze dell’ordine stanno indagando, ma per il momento non sembra esserci il coinvolgimento di altre persone. Non è nemmeno chiaro se Dren Bajrami abbia compiuto un gesto disperato, nel tentativo di togliersi la vita.

Dren Bajrami morte 17 anni

Dopo la straziante notizia, l’Istituto che lo ospitava ha voluto pubblicare una triste nota, per esprimere il proprio cordoglio alla famiglia, che si trova nel loro paese di origine. Il ragazzo di soli 17 anni era arrivato in Italia in cerca di una vita migliore. Ecco, di seguito, le parole pubblicate:

Era giunto a Cividale per cercare un futuro migliore per lui e la famiglia. Niente può attenuare lo strazio di vedere questo percorso interrotto. Vogliamo esprimere il nostro cordoglio per la scomparsa del giovane, vittima di un tragico incidente nella notte di domenica scorsa. Era giunto a Cividale nel febbraio di quest’anno, alla ricerca di un futuro migliore per lui e per la sua famiglia, rimasta nel Paese di origine. Era stato, così, accolto dalla struttura convittuale e si era inserito positivamente nella Comunità, intessendo relazioni serene sia con gli altri giovani ospiti che con il personale che lo aveva preso in carico.