Il dolore di Jurgen Kloop per la morte di sua mamma

“È morta e io non ho potuto dirle addio”: le dolorose parole dell’allenatore

A causa della pandemia, Jurgen Kloop non ha potuto partecipare al funerale della sua mamma

Una notizia devastante, quella ricevuta dall’allenatore del Liverpool fresco campione d’Europa, Jurgen Kloop. Lui, nato in Germania, non ha potuto lasciare l’Inghilterra e tornare in patria per i funerali della sua mamma, scomparsa qualche giorno fa. Ad annunciare la dipartita della donna, ci ha pensato proprio il famoso mister, durante un’intervista rilasciata ad un giornale tedesco.

Il dolore di Jurgen Kloop per la morte di sua mamma

Il periodo di pandemia da Coronavirus che tutto il mondo sta vivendo continua a creare disagi e a causare mancanze a chiunque. Ne sa qualcosa Kloop, l’allenatore del club inglese del Liverpool, diventato leggenda l’anno scorso vincendo la tanto ambita Champions League.

Al giornale tedesco Schwarzwaelder Bote, Jurgen ha annunciato la morte di sua mamma Elisabeth all’età di 81 anni. Durante l’intervista, il mister ha voluto esprimere il suo tremendo dispiacere per non essere potuto tornare a casa e dare l’estremo saluto alla donna che lo ha cresciuto.

Significava tutto per me. Era una madre nel senso migliore della parola. Era una cristiana molto devota, quindi sono convinto che ora è in un posto migliore. Il fatto che non potrò essere al funerale è legato a questi tempi terribili. Non appena le circostanze lo permetteranno, tornerò a casa e terremo una commemorazione per lei meravigliosa.

Il dolore di Jurgen Kloop per la morte di sua mamma

Il Liverpool, squadra che allena dal 2015 e con la quale ha vinto, l’anno scorso, il trofeo più ambito da tutte le squadre europee, ha voluto stringersi al dolore del suo condottiero, pubblicando una nota ufficiale sui propri canali social.

You’ll never walk alone, Jurgen.

Il motto della società che, tradotto, significa “Non camminerai mai solo, Jurgen“.

Jurgen Kloop, nel 200, aveva perso anche il papà

Il dolore di Jurgen Kloop per la morte di sua mamma

Elisabeth era sposata con Norbert Kloop dal 1960 e dal loro matrimonio, sono nati tre figli. Oltre a Jurgen Kloop, anche le due sorelle Isolde e Stefanie. Nel 2000, la famiglia aveva già dovuto affrontare la prematura scomparsa di Norbert, che alla fine ha perso la battaglia con una grave malattia.

A soffrirne di più, in quel caso, fu proprio Jurgen, che in delle interviste successive alla morte del papà, raccontò il suo desiderio di voler vincere la coppa dalle grandi orecchie davanti agli occhi commossi di suo padre. Impresa che è riuscita all’allenatore soltanto l’anno scorso, quando ha battuto per 2 a 0 il Tottenham in finale.

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Addio a Elisa Trevisano, stella del basket: aveva 34 anni ed ha lasciato un bimbo piccolo

Addio a Elisa Trevisano, stella del basket: aveva 34 anni ed ha lasciato un bimbo piccolo

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Donna in coma partorisce e conosce sua figlia 19 giorni dopo

Donna in coma partorisce e conosce sua figlia 19 giorni dopo

Vuole utilizzare gli embrioni congelati, anche se l'ex marito è contrario: il Tribunale le dice sì e scoppia la polemica

Vuole utilizzare gli embrioni congelati, anche se l'ex marito è contrario: il Tribunale le dice sì e scoppia la polemica