elena nonno

Elena Del Pozzo, il nonno materno aveva capito che il rapimento era una messa in scena

Il nonno materno di Elena Del Pozzo, è stato il primo a capire che il rapimento era una messa in scena

Sono ancora tanti i punti da chiarire dietro l’omicidio della piccola Elena Del Pozzo, la bimba di 5 anni uccisa da sua madre, in preda ad una furia omicida. Il primo a capire che il rapimento era una bugia, è stato proprio il nonno materno e lui ha convinto la figlia a confessare.

elena nonno

Questa notizia è emersa solo in queste ultime ore. Martina Patti ha accompagnato gli agenti nel luogo in cui era sepolta la bambina, solo il giorno successivo.

Il nonno materno in quelle ore era con lei. Non ha mai lasciato la ragazza, ma lui sin da subito ha capito che il rapimento era una messa in scena.

Infatti quando i Sis stavano facendo una perquisizione dove abitava la nipotina, ha preso Martina Patti in disparte e le ha detto: “Adesso dimmi la verità”

elena nonno

L’uomo, inoltre, in quei minuti ha anche rassicurato la figlia, dicendole che qualsiasi cosa fosse successa, il suo sentimento nei suoi confronti non sarebbe mai cambiato. È proprio a quel punto che la donna è crollata ed ha ammesso ciò che aveva fatto.

Martina Patti quando ha capito che la sua bugia stava per venire a galla, al padre ha detto: “La bambina non c’è più!” Subito dopo insieme ai carabinieri sono andati nel terreno in cui aveva ucciso e sepolto la figlia, l’hanno trovata chiusa in cinque sacchi neri.

L’omicidio della piccola Elena Del Pozzo

La piccola Elena è stata uccisa da sua madre, lo scorso lunedì 13 giugno. Una volta uscita dall’asilo, con la scusa di portarla a vedere una cosa nuova, l’ha portata in quel campo abbandonato.

È proprio lì che le ha messo una busta nera sulla testa e con 11 coltellate, ha messo fine alla sua vita. Subito dopo ha chiuso il corpo in cinque sacchi neri e l’ha sepolta semi svestita, probabilmente per far credere a tutti che la messa in scena del rapimento fosse vera.

elena nonno

Nella giornata di mercoledì 22 giugno, i suoi familiari e tantissime altre persone hanno avuto la possibilità di dirle addio. La bara bianca è stata accolta da un grande applauso all’arrivo nella chiesa. La folla era in lacrime, ma erano anche arrabbiati per quello che la mamma ha fatto alla sua bimba. Il movente al momento, è ancora avvolto nel mistero.