Intercettazione amici dei fratelli Bianchi

Fratelli Bianchi: i loro legali spiegano come procede la loro vita in carcere

Stanno dimostrando di essere detenuti perfettamente inseriti: le parole degli avvocati difensori dei Fratelli Bianchi di Artena

Gli avvocati difensori dei fratelli Bianchi, i due condannati in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, hanno raccontato dettagli riguardo ai loro assistiti e su come stanno trascorrendo le loro pene detentive nei rispettivi carceri. Un mese fa, i due “gemelli” di Artena, avevano ricevuto la sentenza per quanto accaduto a Colleferro la notte del 6 settembre 2020.

Intercettazione amici dei fratelli Bianchi

È trascorso circa un mese da quando la Corte di Assise del Tribunale di Frosinone ha emesso la sentenza di primo grado, riguardo al caso dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte.

L’aiuto cuoco capoverdiano di 21 anni fu ucciso a calci e pugni, la notte del 6 settembre del 2020, mentre cercava di sedare una rossa scoppiata fuori dai locali della movida notturna di Colleferro.

Per il reato, dopo indagini durate quasi due anni, sono state condannate, in primo grado, quattro persone. Francesco Bellegia a 23 anni di reclusione, Mario Pincarelli a 21 anni di reclusione e Marco e Gabriele Bianchi alla pena dell’ergastolo.

Gli amici e i familiari di Willy si sono dimostrati soddisfatti dalla sentenza, convinti che la giustizia, se tali pene dovessero essere confermate, abbia fatto il suo corso.

I legali e le famiglie dei quattro imputati, invece, hanno mostrato tutto il loro disappunto. E per quanto riguarda i legali difensori, hanno già annunciato che ricorreranno al ricorso in appello.

I fratelli Bianchi in carcere

Intercettazione amici dei fratelli Bianchi

Oltre alle pene detentive, il Giudice aveva disposto anche un risarcimento da parte degli imputati per la famiglia di Willy.

Inoltre, per quanto riguarda i fratelli Bianchi, che fino a inizio luglio scorso avevano condiviso la cella nel carcere di Rebibbia a Roma, era stato deciso che dovessero essere separati.

Gabriele è rimasto a Rebibbia, mentre Marco è stato trasferito nel carcere Mammagialla di Viterbo.

Intercettazione amici dei fratelli Bianchi

Gli avvocati difensori dei due fratelli di Artena hanno rilasciato dichiarazioni e spiegato come se la stanno passando all’interno dei rispettivi istituti detentivi.

Hanno spiegato che entrambi si stanno comportando da detenuti “perfettamente inseriti“. Manifestano una buona condotta e nessuno dei due ha mostrato atteggiamenti da attaccabrighe. Hanno i loro spazi, si cucinano da soli e svolgono le regolari attività autonome o di gruppo.