Giacomo Frazzitta a La vita in diretta

Giacomo Frazzitta interviene a La vita in diretta: “Sono sette le persone che…”

Le ultime dichiarazioni dell'avvocato Giacomo Frazzitta in diretta televisiva a La vita in diretta

Il programma televisivo La vita in diretta, durante l’ultima puntata del 2 giugno, è tornato sul caso della piccola Denise Pipitone ed ha ospitato in studio l’avvocato Giacomo Frazzitta.

Giacomo Frazzitta a La vita in diretta
Credit: La vita in diretta

Pensiamo che siano sette le persone che sono a conoscenza dei fatti, ci siamo resi conto che le persone sono aumentate. Perché stare zitti, se possono aiutare senza avere conseguenze?

Il legale ha voluto ringraziare i giornalisti per il lavoro che stanno facendo, perché è proprio grazie alla grande attenzione mediatica se il caso è tornato sotto i riflettori. Ha però nuovamente sottolineato che il lavoro va svolto con gli elementi già a disposizione di tutti, senza intralciare le indagini della Procura.

L’inchiesta giornalistica deve trovare un limite nel non intaccare quella che è l’indagine attuale della Procura. Non ha mai confermato che ci sono degli indagati, per questo vi invito ad essere cauti nel ripetere qualcosa che forse non ha mai trovato conferma e che è stata detta da una giornalista così tanto per far notizia.

Ci siamo resi conto che forse c’è più gente che è a conoscenza. Ora dico perché continuare a stare in silenzio, senza che neppure si rischia nulla dal punto di vista giuridico. Oggi sarebbero dei testimoni che possono aiutare a risolvere il giallo di Denise. Dove è finita una bambina di 3 anni e 11 mesi. È la figlia d’Italia tranne che di questi sette.

Giacomo Frazzitta a La vita in diretta
Credit: La vita in diretta

Dopo le parole di Giacomo Frazzitta, il conduttore Alberto Matano gli ha domandato perché parla di sette persone. Inizialmente si parlava di 4 persone che conoscevano la verità e ora sono diventate 7.

Non lo verrei a raccontare a lei, è chiaro questo. Però questa è una vetrina per poter parlare. Continuiamo a cercare di poter parlare. Certo qualcosa si è mosso grazie al fatto che la sensibilizzazione dei media ha certamente consentito a qualche anima semi pura di intervenire.

L’appello di Giacomo Frazzitta

Il legale di Piera Maggio continua a lanciare appelli in diretta televisiva rivolti a tutti coloro che sanno e che non parlano. Ha definito la televisione l’unica finestra a disposizione per poter arrivare a queste persone e continuare a far capire loro quanto importante possano essere i dettagli che conoscono. Dettagli che potrebbero ricomporre il puzzle della scomparsa della piccola Denise Pipitone.

Giacomo Frazzitta a La vita in diretta
Credit: La vita in diretta

Dobbiamo scoprire dov’è Denise e questo possiamo raggiungerlo solo grazie all’aiuto di alcuni mazaresi. Tutti possono svolgere a Mazara un’importante funzione, quella di afflato verso questa storia.

Tragedia ad Ancarano, Samuele Di Clemente è morto a 14 anni: è stato colpito da un malore

Tragedia ad Ancarano, Samuele Di Clemente è morto a 14 anni: è stato colpito da un malore

Piera Maggio diffida la trasmissione tv Quarto Grado: il post della mamma di Denise Pipitone

Piera Maggio diffida la trasmissione tv Quarto Grado: il post della mamma di Denise Pipitone

Resta cieca e paralizzata

Resta cieca e paralizzata

Bimbo di 14 mesi investito dalla mamma alla guida del suo Suv

Bimbo di 14 mesi investito dalla mamma alla guida del suo Suv

Strage di Andea, giornalista aggredita durante la veglia: cosa è accaduto

Strage di Andea, giornalista aggredita durante la veglia: cosa è accaduto

Il suo idolo salvato da un defibrillatore: Oscar Jones avvia una raccolta fondi per la sua comunità

Il suo idolo salvato da un defibrillatore: Oscar Jones avvia una raccolta fondi per la sua comunità

Bambina di quattro anni, colpita da un malore mentre fa il bagnetto

Bambina di quattro anni, colpita da un malore mentre fa il bagnetto