Giuseppe Conte in conferenza

Giuseppe Conte: “Siamo nello scenario 3. Poi c’è solo il lockdown totale”

Giuseppe Conte delinea la situazione attuale in Italia

In riferimento al nuovo Dpcm, il premier Giuseppe Conte ha chiarito, presso il Parlamento, come le misure studiate siano associate a un documento dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute chiamato “Prevenzione e risposta al Covid-19”.

Giuseppe Conte: prospettati quattro scenari

Nel suddetto documento si prospettavano quattro scenari epidemiologici per l’autunno e l’inverno. Durante il mese di ottobre – ha sottolineato Giuseppe Conte – hanno registrato un progressivo incremento dei casi giornalieri. Nell’ultimo Dpcm il Governo si è attenuto alla eventualità prevista dal dal ministero della Salute e dall’Iss.

Gli scenari 3 e 4

Giuseppe Conte con mascherina

Sono pienamente consapevoli che si tratta di misure severe, ma le ritengono necessarie per limitare i contagi. Altrimenti la curva epidemiologica è destinata a sfuggire di mano. Il terzo scenario, quello in cui l’Italia attualmente verserebbe a detta degli esperti, descrive una diffusione sostenuta del virus, ma con dei rischi di tenuta da parte del servizio sanitario nel medio termine.

Il quarto parla di criticità non più gestibili, con complicazioni per le strutture ospedaliere già nel breve periodo. Secondo lo scenario 3, che prevede Rt regionali generalmente tra 1,25 e 1,5, il Paese ravvisa una mancata capacità di tracciamento e i primi segnali di sovraccarico per il servizio sanitario. Con la preoccupazione di significativi peggioramenti nel giro di 2/3 mesi.

Zone rosse

Giuseppe Conte firma Dpcm

In uno scenario del genere gli esperti ipotizzano provvedimenti che dalla chiusura anticipata di locali come bar e ristoranti vadano alla chiusura degli istituti scolastici. Ma anche un ricorso maggiore allo smart working e vincoli alla mobilità. Si potrebbero introdurre, per alcune settimane, pure delle zone rosse, circoscritte ai territori più colpiti.

Giuseppe Conte: sull’orlo del precipizio

Giuseppe Conte allarga le braccia

Di base, quindi, degli accorgimenti analoghi a quelli effettivamente introdotti dall’ultimo Dpcm per frenare i contagi. Qualora i numeri dovessero ulteriormente peggiorare resterebbe poco margine di manovra per scongiurare un lockdown totale. Con valori di Rt regionali sistematicamente superiori all’1,5% sarebbe inevitabile attuare misure di contenimento e mitigazione più aggressive.

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Addio bancomat: sarà rivoluzione per il contante

Addio bancomat: sarà rivoluzione per il contante

La 19enne interrogata a Scalea non è Denise Pipitone: il video di Chi l'ha visto

La 19enne interrogata a Scalea non è Denise Pipitone: il video di Chi l'ha visto

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

Ragusa: Stefano Pagano morto a soli 21 anni per incidente stradale

Ragusa: Stefano Pagano morto a soli 21 anni per incidente stradale

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe